Crotone, Vallone incontra il neo Prefetto Maria Tirone

II prefetto Tirone ed il sindaco Vallone
II prefetto Tirone ed il sindaco Vallone

Stamane, presso il Municipio di Crotone, il Sindaco di Crotone Peppino Vallone ha incontrato il neo Prefetto Maria Tirtone per i saluti di benvenuta in città. Accompagnata dal Capo di Gabinetto Roberto Micucci, Maria Tirone è stata ricevuta oltre che da Vallone anche dal Vice Sindaco Teresa Cortese, dall’Assessore alla Cultura Piero Cotronei , dal Presidente del Consiglio Arturo Crugliano Pantisano, il Segretario vomunale Teresa Mansi e i dirigenti Antonio Ceraso e Domenico Clausi.
Molti sono stati i temi toccati nel corso dell’incontro tra i quali quello della bonifica.
Il Prefetto nell’arrivare in città ha avuto occasione di vedere le fabbriche dismesse dell’ex area industriale che le hanno ricordato il sito industriale di Bagnoli. Il neo prefetto proviene infatti da Napoli dove ha ricoperto l’incarico di Vice Capo di Gabinetto del Presidente della Regione Campania.
Porto, aeroporto, infrastrutture sono altri temi  affrontati dal sindaco Vallone e dal Prefetto Tirone.
Vallone non ha mancato di  assicurare la massima collaborazione istituzionale sottolineando il ruolo centrale che assume la Prefettura nel territorio di Crotone.
Al termine dell’incontro il sindaco ha donato alla neo Prefetto una creazione del maestro orafo Michele Affidato: una raffigurazione della Patrona della città, la Madonna di Capocolonna, la stessa che portano al collo i portantini il giorno della processione solenne.
Dovrà reggere sulle sue spalle la Prefettura, la nostra Patrona le sarà vicino” ha detto il sindaco nel porgere l’omaggio alla neo Prefetto Tirone alla quale ha augurato buon lavoro a nome della comunità di Crotone.
 

9 su 10 da parte di 34 recensori Crotone, Vallone incontra il neo Prefetto Maria Tirone Crotone, Vallone incontra il neo Prefetto Maria Tirone ultima modifica: 2012-11-06T15:20:24+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento