Vendola attacca il gattopardo Casini

“Si deve rassegnare, anche se c’è chi pensa che l’Italia debba essere per sempre il Paese dei gattopardi, dove occorre cambiare tutto per non cambiare nulla”. Caustico il leader di Sel, Nichi Vendola, durante la firma del manifesto del centrosinistra.

“Casini non lo abbiamo mai definitivamente perso. Semplicemente, non lo abbiamo mai trovato. Quanto firmato nella Carta d’intenti è alternativo ai pensieri conservatori di Casini”, ha detto ancora il leader di Sel parlando con i giornalisti al termine della manifestazione. A firmare l’accordo per la coalizione del centrosinistra stono stati gli esponenti di Pd, Sel e Psi.

“La Carta d’intenti che abbiamo firmato va oltre Monti – precisa Vendola – propone un rigore ma contro i furbi, per l’eguaglianza e la solidarietà”.