Cantieri aperti a Premariacco, presto la casa dell’acqua

Marciapiedi, percorsi ciclopedonali, parcheggi e un semaforo: sono gli interventi in via di realizzazione nell’abitato di Premariacco che interessano le vie della Chiesa,  Papa Giovanni, Fruch, via Fiore dei Liberi. “Il termine dei lavori – conferma l’assessore ai lavori pubblici Dal Bò – è fine novembre, ma siamo decisamente in anticipo rispetto alle previsioni. Si tratta del completamento dell’intervento che lo scorso anno ha interessato via Fiore dei Liberi. Entrambi godono di un finanziamento regionale concesso per la messa in sicurezza di tratti di viabilità urbana e di percorsi di accesso alle scuole.” Il contributo regionale sulle due opere ammonta a un totale di 200.000 euro, per un costo complessivo di 460.000 euro.

“Con questo intervento – conferma il sindaco Ieracitano – i percorsi di accesso a due scuole che ospitano 250 ragazzi saranno messi in sicurezza, consentendone l’accessibilità con la massima protezione. Il semaforo su via Fiore dei Liberi consentirà attraversamenti in sicurezza e una riduzione della velocità di percorrenza della Provinciale. Parcheggi, marciapiedi e piste ciclopedonali regolamenteranno meglio il traffico interno, dividendo i percorsi dei pedoni da quello delle automobili.” In tutto ciò è stata coinvolta anche la Parrocchia, che vedrà complessivamente riqualificate e messe in sicurezza diverse aree di proprietà al servizio della comunità.

“Con un’apposita convenzione approvata a livello locale e diocesano – afferma Ieracitano – si è inteso allargare all’intera area il concetto di sicurezza e protezione senza toccare i diritti di proprietà della Parrocchia.” Oltre a questo intervento, sulla stessa area sono iniziati anche i lavori per l’installazione della Casa dell’Acqua; sono stati inoltre affidati i lavori per la realizzazione della segnaletica orizzontale, in particolare gli attraversamenti pedonali. “Grazie all’acquedotto Poiana – conferma l’assessore Dal Bò – cogliamo l’occasione per installare in via Papa Giovanni anche la Casa dell’Acqua affiancando alla messa in sicurezza anche la qualificazione di un’area centrale del paese”.