Milano, colpiti gli interessi del clan Belforte

La camorra nel cuore di Milano e in provincia con bar, società immobiliari, attività commerciali e fabbriche di videopoker. Un sequestro preventivo di beni e società per 20 milioni nel centro e nell’hinterland, ma anche nel Casertano, è stato compiuto dai carabinieri del Noe di Roma guidati dal colonnello Sergio De Caprio, il famoso “Ultimo”.

I beni sono riconducibili a Mauro Russo, membro del clan Belforte o dei Mazzacane, erede dei cutoliani, che è stato arrestato. Indagate altre 12 persone.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0