Colpo alla mafia a Gela sequestrati 2 milioni

La Dia di Caltanissetta ha sequestrato beni di presunta provenienza illecita, per un valore complessivo di circa 2 mln, a un 41enne di Gela ritenuto “in stretto rapporto di fiducia” con esponenti delle famiglie gelesi delle organizzazioni criminali “Stidda” e “Cosa nostra”.

A fare da intermediari tra l’uomo e le cosche sarebbero stati lo zio e il cognato, considerati pezzi da 90 delle famiglie “stiddare” Cavallo-Paolello.

Lascia un commento