Torino, nella top ten il Maria Pia Hospital

L’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari ha valutato il Maria Pia Hospital di Torino tra le dieci strutture ospedaliere più virtuose d’Italia. L’analisi dell’Agenzia, che ha inserito il nosocomio torinese nella top ten, ha riguardato la valutazione delle attività d’assistenza di tutti gli ospedali italiani, pubblici e privati accreditati, basata su una trentina d’indicatori ritenuti significativi dal punto di vista della performance della struttura sanitaria. Il Maria Pia Hospital, che fa parte del Gruppo Gvm Care & Research, è risultata per tre di questi parametri tra gli ospedali con i migliori risultati, confermando l’impegno del Gruppo nel fornire ai propri pazienti un servizio di elevata qualità e nel collocare il benessere della persona al centro delle attenzioni di medici e personale sanitario.

Gvm Care & Research è una holding italiana operante nei settori della sanità, della ricerca, dell’industria biomedicale e del benessere termale. Il Gruppo opera in Italia attraverso 23 ospedali di alta specialità e 4 poliambulatori, accreditato come partner del Sistema Sanitario Nazionale. Il gruppo comprende anche tre strutture sanitarie all’estero – in Francia, Polonia e Albania – nonché tre storiche e prestigiose strutture di Castrocaro Terme: Grand Hotel delle Terme, Terme di Castrocaro e Clinica del Ben Essere. Infine, nel campo dell’industria biomedicale, il Gruppo opera attraverso Eurosets, azienda italiana leader internazionale nella produzione di dispositivi medici per l’autotrasfusione, la cardiochirurgia e l’ortopedia.

Del Maria Pia Hospital di Torino, ospedale accreditato come polo con alta specialità (cardiologia interventistica ed elettrofisiologia, cardiochirurgia, neurochirurgia e radioterapia oncologica), dal 2002 è Amministratore delegato il dr. Carlo Di Giambattista, della quale struttura è anche direttore sanitario. Nato a Roma nel 1962 da genitori abruzzesi e residente a Vasto, Carlo Di Giambattista ha compiuto gli studi presso la Facoltà di Medicina dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti, dove si è laureato nel 1989 e specializzato nel 1993 in Igiene e Medicina preventiva. Sotto la sua guida l’ospedale torinese ha raddoppiato il fatturato e da un decennio produce costantemente utili, sempre reinvestiti in azienda. Dal 2010 Carlo Di Giambattista è anche Amministratore delegato della Clinica Santa Caterina da Siena, in Torino.

Tra le personalità di spicco della comunità abruzzese in Piemonte, da diversi anni Carlo Di Giambattista è stato chiamato a guidare la Famiglia Abruzzese e Molisana in Piemonte e Valle d’Aosta, nata una trentina d’anni fa su iniziativa d’un gruppo di Abruzzesi e Molisani giunti al nord-ovest per ragioni di lavoro e desiderosi di mantenere cultura, tradizioni, usanze, orgogliosi di promuovere la propria terra. L’immigrazione dall’Abruzzo e dal Molise in Piemonte e Valle d’Aosta, quantitativamente cospicua intorno alla metà degli anni ’50, ha contribuito all’evoluzione e allo sviluppo non solo industriale di queste regioni, ma ha qualitativamente arricchito tutto lo spettro dell’operatività subalpina, dagli operai agli artigiani, dai commercianti agli imprenditori, dai professionisti ai funzionari statali, dagli alti ufficiali e clinici illustri ai docenti universitari di chiara fama. Per brevità si cita solo emblematicamente il prof. Giorgio Cavallo, già Rettore dell’Università di Torino, al quale la Famiglia Abruzzese e Molisana ha intitolato un Premio per meriti culturali e sociali diventato assai prestigioso. Il sodalizio abruzzese e molisano, presieduto da Carlo Di Giambattista, è una delle associazioni regionali più attive in Italia, per numero e qualità delle iniziative e si è sempre meritoriamente distinto in interventi di solidarietà, in modo particolare verso L’Aquila e i borghi colpiti dal terremoto del 6 aprile 2009.

9 su 10 da parte di 34 recensori Torino, nella top ten il Maria Pia Hospital Torino, nella top ten il Maria Pia Hospital ultima modifica: 2012-03-27T11:19:54+00:00 da Goffredo Palmerini
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento