Lega Nord, Bossi crede all’innocenza di Boni

Davide Boni avrebbe proclamato la sua “estraneità” alle accuse di corruzione, mosse dalla procura di Milano, e, nel faccia a faccia con Umberto Bossi, avrebbe messo a disposizione del segretario federale della Lega Nord l’incarico di presidente del consiglio regionale lombardo.

Secondo quanto si apprende, Bossi ha respinto le dimissioni e gli avrebbe detto “vai avanti”. Sono quindi da escludersi “almeno per ora” le dimissioni di Boni da presidente dell’assise lombarda. Anche se, precisano fonti leghiste, ogni decisione è rimandata al vertice, in programma in via Bellerio. Alla riunione, decisa durante un incontro a Roma tra Roberto Calderoli, Roberto Maroni, il segretario della Lega Lombarda, Giancarlo Giorgetti, e i capigruppo Gianpaolo Dozzo e Federico Bricolo, parteciperanno, oltre ai big del partito, anche i componenti del comitato amministrativo federale, Francesco Belsito, Roberto Castelli, Piergiorgio Stiffoni.

In particolare, fanno notare i leghisti, dalle indagini patrimoniali, condotte dai magistrati, non sarebbe emerso alcun arricchimento personale di Boni e del suo capo di Gabinetto, Dario Ghezzi, anche lui indagato dalla procura di Milano. E questo sarebbe stato il motivo principale che ha spinto i vertici leghisti a compattarsi attorno al presidente del consiglio lombardo. Nel Carroccio, la linea rimane quella di rifiuto totale delle accuse, avanzate dai pm, i quali sostengono che parte delle presunti tangenti siano finite al movimento per “esigenze di partito”. In particolare, si sostiene, che i bilanci del Carroccio scandagliati dal comitato amministrativo, siano assolutamente in regola e si ribadisce la linea dura già annunciato da Belsito, di querelare tutti coloro che sostengano il contrario.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin