Nevischio su Napoli, in difficoltà l’Irpinia

93

Un lieve strato bianco di nevischio ha coperto la città sabato mattina. Il fenomeno si è verificato soprattutto nella zona dei Camaldoli e del Vomero. I servizi di emergenza e protezione civile del Comune di Napoli raccomandano, per le prossime 48 ore, di limitare al massimo gli spostamenti nella zona dei Camaldoli per possibili gelate che potrebbero verificarsi nelle ore del tardo pomeriggio, della notte e della prima mattinata di domani.

Le previsoni per la giornata, però, sono rassicuranti. Dopo la notte in cui la temperatura è scesa sotto lo zero, oggi il termometro dovrebbe aggirarsi introno ai 3 gradi per cui i rovesci previsti nel primo pomeriggio dovrebbero portare solo pioggia, non neve. A causa della neve caduta nella notte si registrano alcuni disagi per la circolazione di auto e mezzi pubblici. Molti studenti hanno rinunciato ad andare a scuola e sono rimasti a casa.

Una donna di 46 anni è morta a Pietradefusi in provincia di Avellino schiacciata sotto il peso della tettoia di una serra crollata a causa del peso della neve. La vittima, proprietaria della serra, è morta sul colpo. Sul posto si sono recati i carabinieri di Mirabella Eclano. Le abbandonanti nevicate della notte hanno determinato una situazione di estrema emergenza in tutta la provincia di Avellino. Le maggiori criticità si registrano nei comuni dell’Alta Irpinia dove sta continuando a nevicare e la neve ha raggiunto i 70 centimetri. Numerose le contrade isolate. Sull’Altopiano del Laceno, raggiunti i tre metri sulla vetta del Raiamagra a 1600 metri. Forti disagi nell’Arianese e in Valle Ufita dove anche la circolazione di mezzi con catene è difficoltosa. Disagi ad Avellino. Numerose le auto lasciate ai bordi delle strade e problemi nelle zone collinari e in quelle rurali. La statale Ofantina bis, che collega il capoluogo ai comuni dell’Alta Irpinia, è stata chiusa. Numerosi gli interventi delle pattuglie della Polstrada di Avellino e dei Commissariati locali per il soccorso di pazienti dializzati.