Paura in Italia per il pesce al mercurio

Gli uomini del servizio veterinario della Asl di San Pietro Vernotico, in provincia di Brindisi, hanno sequestrato una partita di pesce spada a mezza luna congelato, proveniente dalla Spagna, con un alto tasso della pericolosa sostanza. L’accertamento Asl locale ha fatto scattare una serie di controlli su scala nazionale. Si tratta di pesce che potrebbe già essere stato distribuito in vari ristoranti e negozi di generi alimentari italiani. Sarebbe stato pescato in acque fortemente contaminate dell’Oceano Pacifico e potrebbe essere molto pericoloso per la salute.

Il pesce è distribuito in tutt’Italia, dalla stessa catena di supermercati, ed i servizi veterinari della provincia brindisina sono in azione anche in altri supermercati del territorio, a caccia di altre partite del pesce al mercurio. Attraverso l’analisi dei dati relativi alla vendita all’ingrosso (documenti di trasporto, bolle e fatture) il personale della Asl sta ora verificando la presenza sul mercato di altre partite di pesce con una concentrazione di mercurio oltre la soglia consentita. Finora sembra che il quantitativo complessivo del pesce spada contaminato superi i 70 kg.

La partita di pesce spada di provenienza spagnola è stata sequestrata perché contaminata da una percentuale di mercurio superiore alla di 1 milligrammo per chilo di pesce. Il quantitativo riscontrato, per l’esattezza, sarbbe stato pari a 2 mg per chilo. Quindi il doppio del massimo consentito.

Attualmente, secondo il Servizio veterinario sampietrano, sono in vigore le tolleranze fissate dal regolamento CE n. 466/2001 in tutta Europa: 0,5 milligrammi per chilo di pesce fresco in tutte le specie, tranne alcune come il pesce spada, gli squali, il tonno, la spigola, l’aguglia, lo storione, lo scorfano, eccetera, per le quali il limite è di 1 milligrammo per chilo. Nello stesso Regolamento comunitario si osserva che il mercurio può comportare alterazioni del normale sviluppo cerebrale dei bambini e, “a un livello più elevato, può causare alterazioni neurologiche negli adulti”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin