I furti di opere sacre al Sud

L’Italia è un Paese bello e ricco di Beni naturali e culturali  da fare invidia a tutto il mondo e con i quali “si mangia”, eccome. L’ho scritto tante volte e lo ribadisco anche alla luce dell’emotività suscitata dagli accadimenti degli ultimi tempi che hanno visto, ancora una volta, il perpetrarsi di furti di opere artistiche ai danni di alcune chiese calabresi e non solo.

Questi particolari eventi ti intristiscono e ti sconvolgono perché ti senti denudato. E nel contempo impotente perché sono altri che dovrebbero tutelare i nostri Beni, ma ti accorgi che attorno c’è tanta indolenza ed indifferenza. Che rabbia!

L’Italia possiede un inviadibile tesoro in opere d’arte e beni culturali in genere che ne fanno un giusto motivo di orgoglio nazionale. È un patrimonio, un’eredità che si è andata accumulando man mano che le varie culture passavano attraverso la nostra penisola impreziosendola di opere e apportandovi vitali spazi di conoscenze nuove.

Migliaia e migliaia di testimonianze di tutte le forme artistiche ed espressive da nord a sud, in tuttala Penisola.

Epoche e uomini che hanno lasciato un patrimonio che va ben oltre il valore umanistico, pur notevole. Grazie a loro, oggi il nostro Paese si ritrova arricchito enormemente di opere culturali di ampio respiro. E però, l’indifferenza politica e la pochezza del nostro senso della proprietà artistica e dell’appartenenza rischiano di non salvaguardare, come  si dovrebbe, tutto questo.. Insomma sono molte le opere artistiche, monumentali ed umanistiche non perfettamente al sicuro dalle insidie del tempo e dell’uomo e dei furti sacrileghi e, cosa incredibile, anche dalla profanazione dei luoghi di culto come accaduto, non molto tempo fa, nella chiesa di san Cataldo a Cirò Marina e nel santuario della Madonna Greca di Capo Rizzuto. Ma in fatto di furti, ultimo caso di questi giorni, nella vicina Melissa nella chiesa dell’Udienza è stata danneggiata la statua della Madonna e rubate le corone della Vergine e del Bambinello assieme ad altri oggetti sacri di uso liturgico.

E negli anni scorsi, per rimanere alla sola Calabria, eclatanti sono stati i furti dell’imponente ostensorio ottocentesco in argento dello scultore serrese Domenico Barillari  dalla chiesa Matrice di Serra San Bruno e della massiccia cornice argentea dell’icona della Madonna di Capo Colonna dalla cappella privilegiata della Basilica Minore di Crotone e mai più recuperati. Ma grave, gravissimo, quanto accaduto negli anni e nei mesi scorsi: sono stati rubati Madonne e soprattutto Bambinelli di notevole valore artistico e spirituale. A Belmonte C., San Fili, Paola e Mirto Crosia nel cosentino; nel vibonese a Capistrano il Bambinello della Madonna della Montagna di Polsi del 1759 dello scultore Antonio Regio da Serra San Bruno e altri furti a Spilinga, Pizzoni e a San Costantino e nel territorio reggino a San Ferdinando e a Siderno. Nella provincia crotonese, alla fine dell’agosto del2006, aCrucoli trafugati il Bambinello della Madonna di Manipuglia e la corona d’oro realizzata appena tre anni prima, due angioletti posti ai piedi della Vergine, due putti della statua di santa Filomena e il Bambinello del san Giuseppe. Parte di questo sacro bottino è stata, per fortuna, recuperata, nei giorni immediatamente successivi, in terra siciliana, per la gioia dei fedeli di Crucoli e Torretta.

Ma cosa si è fatto e si fa per difendere e tutelare tutta questa preziosa eredità? Quanto fatto finora si sicuro non basta, se troppo spesso sentiamo parlare di sottrazione di opere insigni da musei, pinacoteche e chiese. Questi continui tristi eventi mi convincono che i mezzi a disposizione, le risorse,  per la salvaguardia del nostro patrimonio artistico sono assai scarsi, tanto scarsi che spesso non si riesce a difendere le preziose opere neanche dalla mania distruttrice di qualche matto. Quante risorse si sperperano per sagre, festival e canzonette nelle piazze in occasione delle feste patronali! Quante inutilità nelle stesse chiese!  Quale futuro?

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin