U vèntu e ‘u rànu

Quàndu vìu ‘u vèntu c’accarìzza ‘u rànu

pènzu e carìzzi tòi chi su’ lùntanu

Mi fèrmu ‘nu pòcu e mi guàrdu st’amùri

vìu ‘u rànu chi cu’ vèntu càngia cùluri

Si’ gìra si’ gòta divènta ‘ndoràtu

cu’ vèntu si’ tòrci e pòi stàci abbrazzàtu

Pàri ‘nu màri brùndu e lucènti

pì cùi pì amùri no’ cèrca cchjù nènti

Sùlu ca fìni dòpu tùtti chìsti carìzzi

finìru chìgi giòi e pùru tùtti ‘i cuntentìzzi

Picchì ‘i spìchi cchjù bèlli e incùti

pagànu chìsti carìzzi e su’ ‘ntèrra futtùti

Intàntu chi ‘u vèntu si ‘nd‘i vàci chjiànu chjiànu

io mi vàiu cugghjìendu li spìchi rùtti ‘nta lu rànu

Di chìsti spìchi sùminu ancòra nàtru amùri

spèru u hàvi ‘u cchjù bèllu cùluri

Il vento e il grano

Quando vedo il vento che accarezza il grano

penso alle tue carezze  che sono lontano

Mi fermo un poco e mi guardo questo amore

vedo il grano che con il vento cambia colore

Si gira si volta diventa dorato

con il vento si gira e poi rimane abbracciato

Sembra un mare biondo e lucente

per chi per amore non gli cerca più niente

Solo che alla fine dopo tutte queste carezze

sono finite quelle gioie e pure tutte le contentezze

Perchè le spighe più belle e piene

pagano queste carezze e sono a terra fregate

Intanto che il vento se ne va piano piano

io raccolgo le spighe rotte nel grano

Di queste spighe  semino ancora un altro amore

spero che abbia il più bello colore.

Ricordi di un amore ormai lontano dove si raccoglie cio’ che rimane e si ricomincia  a vivere solo di speranza. In questa poesia il paragone della danza  tra il vento e il grano. Il grano danza al soffio del vento, insieme fanno l’amore. Alla fine però il  vento andando via lascia solo spighe spezzate a terra ….Solo le spighe piene ne pagano cadendo come di solito succede nella vita  alle persone piene di valori.