Filadelfia, manette ai polsi ai fratelli Berlingeri germani del rifiuto

Stavano trasportando una tonnellata di rifiuti pericolosi ed inquinanti raccolti un po’ ovunque nelle contrade che circondano i comuni di Filadelfia e Francavilla Angitola, quando sono incappati in una pattuglia della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia che stava perlustrando la zona. Immediatamente gli uomini dell’Arma hanno chiesto a Leonardo e Luigi Berlingieri, rispettivamente di 46 e 23 anni, entrambi residenti nel campo nomadi di località Scordovillo a Lamezia Terme, l’esibizione dei documenti che autorizzavano il trasporto del grosso carico costituito da elettrodomestici dismessi, blocchi motore, lastre di ferro ed altri rifiuti speciali di vario genere. I due, ben noti alle forze dell’ordine, hanno prima esibito la documentazione che attestava la loro iscrizione alla camera di commercio ed i bollettari di scarico dei rifiuti ma, quando i Carabinieri del N.O.R.M. hanno chiesto loro di consegnare le bolle di prelevamento della merce e soprattutto la documentazione che attestava l’autorizzazione al trasporto di rifiuti pericolosi come i gas contenuti in alcuni frigoriferi, non hanno saputo cosa rispondere. Per i cittadini lametini sono così scattate le manette con l’accusa di trasporto illegale di rifiuti pericolosi ed inquinanti e, dopo gli atti di rito, sono stati trasferiti nel carcere di Lamezia Terme in attesa delle disposizioni dell’autorità giudiziaria.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin