Pontirolo Nuovolo, dentista con la laurea comprata a San Costantino Calabro

Si spacciava per dentista da almeno due anni, esibendo tanto di laurea. Peccato che secondo icarabinieri quella laurea non c’è mai stata e anzi, il sedicente dentista non si è mai nemmeno iscritto all’ateneo dove dice di essersi laureato. Accade traArcene, Messina e la provincia di Vibo Valentia, epicentro delle indagini, dove i carabinieri sono impegnati da due anni a rintracciare e individuare lauree facili, dove la scoperta nel 2009 di uno stampificio anomalo dal quale usciva ogni tipo di certificato. Negli ultimi giorni i militari di Vibo Valentia hanno chiuso le indagini su 14 soggetti con studi professionali in tutta Italia, tra dentisti, medici, assicuratori e anche funzionari pubblici. Dovranno rispondere a vario titolo di falso materiale e falso ideologico, ma anche di esercizio abusivo della professione. E’ il caso di M. Z. 49 anni, con residenza ad Arcene e uno studio probabilmente a Pontirolo Nuovo. Semplicemente un odontotecnico, uno che dovrebbe occuparsi di dentiere e apparecchi, in assistenza al dentista. Ma per i clienti bergamaschi M. Z., almeno negli ultimi due anni (secondo i carabinieri) è un dentista in piena regola laureato all’Università di Messina. “Università dove, da quanto ci risulta, non è mai nemmeno andato ad iscriversi” dicono dal comando militare di Vibo Valentia. Presto sarà interrogato. Da tempo M. Z. se ne stava tranquillo, i carabinieri stanno cercando di capire da quanto. Di sicuro non dal 2009, quando l’ordine degli odontoiatri di Vibo Valentia segnalò alla procura della Repubblica una serie di movimenti strani: ad esempio tre nuovi odontoiatri che si erano appena iscritti all’ordine e indicavano tutti, come residenza, lo stesso numero civico a San Costantino Calabro (VV). Un piccolo Comune dove nel giro di pochi giorni i carabinieri trovarono una vera e propria stamperia: laureificio, diplomificio e certificatificio abusivo. Per tutti e di tutti i gusti. Laurea a San Costantino, non a Messina.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin