Terzo Polo, sul futuro candidato a sindaco di Palermo si dovrà discutere

Il Terzo polo c’è, comunque, e vuole dire la sua. Parola del capogruppo Mpa all’Assemblea regionale siciliana Francesco Musotto, che è riuscito nell’impresa di regalare al Movimento per l’Autonomia palermitano un giorno di gloria. Almeno settecento persone assiepate dentro uno dei saloni dell’Astoria Palace Hotel ad ascoltare i leader, in testa il presidente della Regione, discutere di temi quali il rilancio del partito e la sua strutturazione nel territorio. Obiettivo: giungere alla campagna elettorale per le prossime amministrative con un partito organizzato. Naturalmente, soprattutto a Palermo, dove l’Mpa vuole dare un segnale di “discontinuità rispetto all’attuale sindaco”. E la Mpa di Palermo è soprattutto “musottiana” e spinge verso una candidatura a sindaco di Palermo dell’ex presidente forzista della Provincia regionale. Meno chiaro il percorso per arrivare a ciò. Ma una certezza pare esserci. Il partito centrista, che dal palco palermitano si vanta di essere libero di dialogare tanto a destra quanto a sinistra, in realtà ha già scelto. Sta col Pd. E infatti, a chiarire la posizione, poco dopo, arriva un passaggio su Miccichè e la sua Forza del Sud. “Con Micciche’ c’è grande stima e amicizia, ma ha difficoltà a sganciarsi dal PdL che ora rappresenta il governo nazionale che non mi sembra abbia a cuore i problemi della Sicilia. Peraltro da due anni esiste una coalizione che non possiamo disconoscere e un rapporto con il Pd di grande lealtà e confronto. Saremmo lieti se Fds aderisse a questo progetto, ma di fronte a un aut-aut non possiamo dare risposte”. Ma è il governatore a chiarire del tutto la visione del Mpa. Il Terzo Polo vuole “dialogare” con Micciché, ma il vecchio amico, poi nemico ora possibile nuovo alleato deve tagliare col PdL, cominciando a percorrere la strada del Terzo Polo, magari sulle comuni basi autonomistiche. Ciò che li divide, per Lombardo, è un falso problema: “Ma l’alleanza col Pd è criticata da altri partiti del Terzo Polo, come FLI. Se FLI è di questa idea, devo pensare che ogni giorno subisca una violenza nel governare in un esecutivo sostenuto anche dal Pd”. Poi si passa a temi meno astratti. I punti chiave? Innanzi tutto la manovra correttiva, che “non è stata archiviata o bocciata”. Poi gli sprechi: Lombardo ha sottolineato il numero eccessivo di componenti negli uffici di gabinetto e di auto blu, di enti e società pubbliche. “Cosa ne facciamo di dieci consorzi di bonifica ne bastano due, così come basta un solo Iacp, anziché tenerne in piedi dieci”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin