Roma, maxi frode fiscale per oltre 133 milioni di euro

Scoperta dai finanzieri del Comando provinciale di Roma una maxi truffa. I finanzieri hanno indagato su alcune imprese del settore del commercio di telefoni cellulari, computer e supporti hardware. Denunciate otto persone. In particolare le Fiamme gialle hanno accertato che erano state organizzate delle cosiddette ‘frodi carosello’ all’Iva comunitaria, con l’individuazione di cinque società che operavano a livello nazionale ed internazionale che avrebbero effettuato acquisti intracomunitari in esenzione di imposta e che, successivamente, si sarebbero sottratte al pagamento dell’imposta sul valore aggiunto lucrando così un consistente risparmio. Il bilancio dell’operazione è di oltre 89 milioni di materia imponibile non dichiarata ai fini delle imposte sui redditi, che veniva quindi proposta all’Agenzia delle Entrate per il recupero a tassazione, la constatazione del mancato versamento dell’Iva all’erario per oltre 40 milioni di euro. Denunciati otto soggetti per i reati di emissione e di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, quantificate per oltre 57 milioni di euro. Inoltre, evasa Irap per oltre 3 milioni di euro. La frode fiscale scoperta dalla Guardia di Finanza ammonta pertanto ad un complessivo di oltre 133 milioni di euro.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin