E’ Francesco Nitto Palma il nuovo ministro della Giustizia

Il presidente Giorgio Napolitano, dopo una mezz’ora di colloquio con il premier Berlusconi, ha firmato il decreto per l’avvicendamento alla guida del ministero di via Arenula, dopo la formalizzazione delle proprie dimissioni dall’incarico di governo da parte di Angelino Alfano, neo segretario politico del Pdl. La nomina a ministro fa decadere quella a sottosegretario all’Interno, sino ad oggi ricoperta dall’on. Palma. Nella stessa occasione è stata nominata Anna Maria Bernini nuovo ministro delle Politiche comunitarie. Il PdL nel frattempo ha reso nota la lettera con cui Alfano ha rassegnato formalmente le proprie dimissioni dall’incarico nel governo, ritenuto non sovrapponibile a quello di guida del partito. “Carissimo Presidente – si legge nella lettera -, a ragione dell’incarico di Segretario politico del Pdl, di recente conferitomi, rassegno le mie dimissioni dalla carica di Ministro della Giustizia, in considerazione della specificità  e dei compiti che allo stesso sono riconosciuti dalla nostra Carta Costituzionale e che mi fanno ritenere tale funzione di Governo incompatibile con un così rilevante incarico politico”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin