Gioia Tauro, giornata per la sicurezza in mare con la Capitaneria

Nella sede della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro si è tenuta la giornata di approfondimento sulla sicurezza balneare. L’iniziativa è stata illustrata dal Comandante C.F. (CP) Giuseppe Andronaco alla presenza dei coordinatori infermieri Francesco Stanganello e Vincenzo Saffioti, dell’infermiere Vincenzo Amalfi, del Presidente Regionale SIB (Sindacato Italiano Balneari) Carmelo Fiorillo, del maestro di salvamento Alberto Chizzoniti e di numerosi assistenti bagnanti. La giornata si è aperta con l’intervento del Comandante Andronaco, che ha illustrato il programma “Mare Sicuro” e ha sottolineato l’importanza della figura dell’assistente bagnante sia nel lavoro da svolgere in spiaggia come punto di riferimento per i frequentatori degli stabilimenti balneari, sia nel lavoro di intermediazione tra la Capitaneria di Porto e il lido. Successivamente è intervenuto il coordinatore infermiere Francesco Stanganello, il quale ha illustrato gli aggiornamenti BLS-D (Basic Life Support – Defibrillator) riguardo le tecniche di rianimazione cardio-polmonare, mettendo enfasi sull’importanza dell’intervento immediato dei bagnini nel praticare le tecniche di salvamento. Dopodiché il T.V. Alessio Romeo, capo del Servizio Operativo della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, ha illustrato ai partecipanti l’organizzazione del soccorso in mare a livello nazionale e la pianificazione dell’operazione “mare sicuro” nel compartimento di competenza, con l’indicazione delle postazioni di personale della Guardia costiera, sono state illustrate le innovazioni introdotte con l’ultima ordinanza di sicurezza balneare. La principale novità è costituita dalla possibilità per gli assistenti bagnanti di comunicare alla Capitaneria di porto, utilizzando un’apposita scheda, tutte le informazioni riferite a fatti importanti avvenuti nel lido, anche di carattere ambientale, quali presenze di nidi di tartarughe, di meduse, di alghe e mucillagini, che possono consentire di delineare un quadro complessivo delle fenomenologie più ricorrenti presenti sui litorali e, in futuro, approntare iniziative coerenti con le necessità del territorio.  Nel corso della giornata si è inteso valorizzare la figura professionale dell’assistente bagnante al fine di migliorare il dialogo e la collaborazione con le capitanerie di porto e con il servizio di soccorso sanitario assicurato dal “118”. La giornata sulla sicurezza in mare si è conclusa con la visita dei partecipanti alla sala operativa della Capitaneria e il rilascio ai partecipanti di un attestato di partecipazione.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin