Palermo, il Palazzetto dello Sport è stato messo in sicurezza

Sono stati ultimati i lavori affidati dal Comune di Palermo al Comando provinciale dei vigili del fuoco. Questa mattina il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha avuto consegnato il verbale di fine lavori del comandante Gaetano Vallefuoco con il quale poco più di tre settimane fa aveva firmato la convenzione che affidava al comando dei vigili del fuoco l’effettuazione dei lavori per i quali il Comune ha pagato i costi del personale e fornito il materiale necessario. I lavori di messa in sicurezza ultimati oggi permetteranno il dissequestro della struttura: “Si tratta di un importante passo in avanti per il pieno recupero del Palasport – dice il sindaco Cammarata – per il quale è già pronto anche il progetto esecutivo, mentre le risorse finanziarie necessarie per il recupero e l’ammodernamento dell’intera struttura sono state inserite nel crono-programma dei fondi Cipe approvato dalla giunta comunale e che ha ricevuto il benestare del Ministero. Con l’approvazione del bilancio da parte del Consiglio comunale sarà possibile attivare subito le risorse e avviare il recupero definitivo della struttura. In passato – ricorda Cammarata – avevamo già inserito le risorse necessarie agli interventi per il Palasport negli assestamenti di bilancio 2009 e 2010, tutte e due volte bocciati dal consiglio comunale. La decisione del Consiglio comunale di bocciare irresponsabilmente per due volte consecutive l’assestamento di bilancio non ci ha permesso, fino ad oggi, di intervenire”. I lavori di messa in sicurezza sono consistiti principalmente nella rimozione dei pannelli di copertura che risultavano pericolanti e nella saldatura di quelli restanti per evitare che il vento, infiltrandosi, possa sollevarli.

9 su 10 da parte di 34 recensori Palermo, il Palazzetto dello Sport è stato messo in sicurezza Palermo, il Palazzetto dello Sport è stato messo in sicurezza ultima modifica: 2011-06-01T17:49:46+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0