Polo socio sanitario di Positano modello per Salerno

“Stiamo avviando e portando avanti un nuovo modello di buona sanità in Costa d’Amalfi da estendere all’intera  provincia”. Così l’assessore alle Politiche Sociali e Sanitarie della Provincia di Salerno, Sebastiano Odierna, nel corso della conferenza stampa di presentazione delle attività del polo socio sanitario di Positano. “L’obiettivo – ha spiegato Odierna – è migliorare la sanità in un territorio contraddistinto da un indice di vecchiaia molto alto e dall’incremento del turismo nella stagione estiva”. All’incontro hanno preso parte il direttore del distretto sanitario Cava – Costa d’Amalfi, la dott.ssa Grazie Gentile, e il direttore sanitario f.f. dell’Asl Salerno, la dott.ssa Sara Caropreso. “Il polo socio-sanitario – ha dichiarato la dott.ssa Caropreso – segue la logica del Disease Management, ossia della presa in carico del paziente, dalla prevenzione fino alle visite di più alta specialità. È necessario creare una rete ospedaliera che coinvolga medici, distretti ed istituzioni per ridurre l’ospedalizzazione e migliorare la qualità dell’assistenza”. Il polo sarà operativo a partire da lunedì 30 maggio 2011 con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30 e lunedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30. “Sebbene il polo socio-sanitario non sia ancora attivo –  ha concluso la dott.ssa Gentile – abbiamo già ricevuto 100 prenotazioni”. Il centro espleterà diversi servizi: il Pua (servizio di Porta Unitaria d’Accesso ai servizi integrati di cure domiciliari), attività materno-infantili, di adolescentologia, di ginecologia, di psichiatria, di Guardia Medica Turistica, servizi di emergenza-urgenza, attività amministrative come il rilascio di tessere per l’esenzione al ticket, attività ambulatoriali specialistiche e di servizio sociale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Polo socio sanitario di Positano modello per Salerno Polo socio sanitario di Positano modello per Salerno ultima modifica: 2011-05-27T12:32:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0