Catania, nuove regole per tutelare i lavoratori

Fonti di finanziamento, rinnovo contrattuale, fondo salario accessorio del comparto. Sono solo alcuni dei temi trattati in occasione dell’assemblea organizzata dal comparto Sas- dipendenti regionali della Cisl Funzione Pubblica di Catania. “Dobbiamo porre al centro dell’agire sindacale- spiega Marcello Foti segretario provinciale del comparto- le esigenze di tutte le categorie dei lavoratori. Siamo vicini ai colleghi  che operano nel settore acque e rifiuti in stato di agitazione e dei precari della protezione civile e dei parchi. La nostra categoria pone al centro tutte le problematiche: beni culturali, catalogatori, Eas, terne di Acireale, ispettori del lavoro, i dipendenti dei parchi regionali,  corpo forestale al quale mancano ancora 800 agenti per carenza di organico. E innumerevoli altri settori di precariato. Dobbiamo accelerare i tempi di soluzione, qualora il Governo regionale non dovesse porre al centro criteri di soluzione dobbiamo valutare la possibilità dello sciopero”. Per Armando Aiello coordinatore regionale del comparto  ente regione: “Intendiamo il rinnovo del contratto collettivo nazionale quale occasione per il rinnovamento della amministrazione regionale. In questo senso la nostra proposta prevede la prospettiva per tutti i lavoratori di una progressione orizzontale e di una progressione verso l’alto attraverso graduatorie aperte che tengono conto dei lavoratori. La nostra proposta  prevede anche che, con il medesimo sistema si realizzi un’area di ponte tra il comparto e la dirigenza”. Solidarietà ai lavoratori del comparto acque e rifiuti e forestali che attualmente sono in stato di agitazione. Presenti all’incontro Luigi Maugeri segretario generale Cisl Fp; Alfio Giulio segretario generale Cisl; Gigi Caracausi segretario Cisl Fp Palermo; il Coordinatore Regionale della Dirigenza Paolo Luparello; il Coordinatore Provinciale del Comparto dipendenti Regionali di Palermo Paolo Montera. A concludere i lavori è stato Gigi Caracausi: “Abbiamo l’esigenza di di affrettare la contrattazione per la definizione dei contratti del comparto e della dirigenza già scaduti. Riclassificazione e riarticolazione del fondo salario accessorio per dare spazio alle professionalità. Utile, forse necessaria una sinergia con altre organizzazioni sindacali per migliorare insieme le condizioni dei dipendenti regionali”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin