Cosenza, unica tappa italiana del Beach Around the World

Antonio Stella

Al via il Beach Volley Around the World, il primo circuito internazionale interamente dedicato agli appassionati di tutto il mondo del volley. Si tratta di una grande novità perché mai prima d’ora nella storia di tutti gli sport una organizzazione aveva creduto e dato la massima attenzione alla base amatoriale di un movimento sportivo. Il Beach Volley Around the World è una grande occasione di partecipazione attiva perché tutti avranno la possibilità di viaggiare, conoscere i grandi campioni, stringere amicizie con tanti ragazzi e ragazze di tutto il mondo e, in definitiva, entrare a far parte di un movimento basato su solidi principi di amicizia. Il programma sportivo è composto da tornei amatoriali, clinic gratuiti guidati dai campioni, esibizioni di atleti del World Tour e giochi in spiaggia mentre beach party, feste in discoteca, spettacoli e cabaret garantiscono momenti extrasportivi di grande divertimento. Calabria 2010 è la quarta tappa del circuito autorizzato e sostenuto dalla FIVB, la Federazione Internazionale, con la quale l’organizzazione ha stipulato un accordo per lo sviluppo del beach volley nel mondo al fine di favorire la crescita dei grandi eventi. Il circuito BVAW prevede anche tappe che si svolgeranno durante il World Tour FIVB, il circuito professionistico più importante al mondo. Quindi partecipare al BVAW significa avere la concreta possibilità di entrare e toccare con mano il grande beach volley mondiale da protagonisti, pur non essendo dei professionisti. Questi ultimi saranno in testimonial delle nostre attività e tutti potranno conoscerli personalmente. Calabria 2010 è l’unica tappa italiana del circuito che si terrà dal 5 all’8 agosto 2010 a Paola in provincia di Cosenza.
9 su 10 da parte di 34 recensori Cosenza, unica tappa italiana del Beach Around the World Cosenza, unica tappa italiana del Beach Around the World ultima modifica: 2010-06-25T16:01:00+00:00 da Antonio Nesci
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0