A volte, semplicemente Si

stelle_z_opt

A volte semplicemente Si

 

Di vincenzo calafiore

11 Agosto 2016 Udine

    Pare sia giovedì

“A volte, di notte, dormivo con gli occhi aperti sotto un cielo gocciolante di stelle. Vivevo,allora.
(Albert Camus) “

 

Ieri dieci Agosto, la “ notte di San Lorenzo “ la notte dei miracoli e dei desideri chiesti a una stella cadente di realizzarli, ma è anche la notte degli innamorati della propria donna o di una donna, della vita.

Sono rimasto sul balcone col naso all’insù e non ho potuto godere dello spettacolo offerto da un cielo che piange stelle, perché coperto da una soffice coltre di nuvole, ugualmente ho espresso i miei desideri chissà a quale stella sconosciuta.

Mia madre in una notte di San Lorenzo, ricordo, ci portò me e mio fratello su una collina vicino casa, ognuno con la nostra coperta e cuscino.

Ci sdraiammo a terra per assistere a quello straordinario spettacolo, e nel mentre ricordo che a una mia domanda lei mi rispose: “ … noi non siamo eterni su questa terra, la nostra vita è breve come il passaggio di una stella cadente, e se sarai in difficoltà alza lo sguardo al cielo con le stelle sparpagliate esprimi il tuo desiderio qualcuna ti aiuterà e pensa pure a me quando non ci sarò più. Fai in modo che la tua vita sia spettacolare come la notte di San Lorenzo.

Ora dopo quasi un secolo, ieri sera avrei voluto prendere una coperta e un cuscino, ma non ci sono colline solo che tetti e cupole di capannoni! Ugualmente mi sono seduto su una sedia, ha piovuto molto e la temperatura non era proprio quella di agosto.

C’è un motto friulano che recita: la prima pioggia di agosto, rinfresca il bosco…. ! L’estate sta finendo.

Ho pensato a quante cose sono riuscito a fare e ho visto la mia vita spettacolare, so di averlo fatto,  e ne sono felice.

Ma mi è tornata in mente “ La notte di San Lorenzo “ del Pascoli, poi mi sono riletto “ Il Fanciullino”:

 

dentro noi un fanciullino che non solo ha brividi, come credeva Cebes Tebano che primo in sé lo scoperse, ma lagrime ancora e tripudi suoi. Quando la nostra età è tuttavia tenera, egli confonde la sua voce con la nostra, e dei due fanciulli che ruzzano e contendono tra loro, e, insieme sempre, temono sperano godono piangono, si sente un palpito solo, uno strillare e un guaire solo. Ma quindi noi cresciamo, ed egli resta piccolo; noi accendiamo negli occhi un nuovo desiderare, ed egli vi tiene fissa la sua antica serena maraviglia; noi ingrossiamo e arrugginiamo la voce, ed egli fa sentire tuttavia e sempre il suo tinnulo squillo come di campanello. Il quale tintinnio segreto noi non udiamo distinto nell’età giovanile forse così come nella più matura, perché in quella occupati a litigare e perorare la causa della nostra vita, meno badiamo a quell’angolo d’anima d’onde esso risuona. E anche, egli, l’invisibile fanciullo, si perita vicino al giovane più che accanto all’uomo fatto e al vecchio, ché più dissimile a sé vede quello che questi. Il giovane in vero di rado e fuggevolmente si trattiene col fanciullo; ché ne sdegna la conversazione, come chi si vergogni d’un passato ancor troppo recente. Ma l’uomo riposato ama parlare con lui e udirne il chiacchiericcio e rispondergli a tono e grave; e l’armonia di quelle voci è assai dolce ad ascoltare, come d’un usignuolo che gorgheggi presso un ruscello che mormora.
O presso il vecchio grigio mare. Il mare è affaticato dall’ansia della vita, e si copre di bianche spume, e rantola sulla spiaggia. Ma tra un’ondata e l’altra suonano le note dell’usignuolo ora singultite come un lamento, ora spicciolate come un giubilo, ora punteggiate come una domanda. L’usignuolo è piccolo, e il mare è grande; e l’uno è giovane, e l’altro è vecchio.

Che bello.

Questa notte l’ho dedicata alla donna che amo, alla donna della mia vita, la mia vita. E mi sono sentito come una stella che nessuno più guarda, ma le stelle non sono stelle, sono diamanti lasciate dalle fate, è polvere fatata, ma sono anche occhi di bambini, potenti o schiavi, reduci, niente! Come siamo noi quando nessuno ci guarda!

E in questa notte, ancora una volta le ho detto ti amo e ho giurato amore.

 

 

 

 

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone