L’internazionalizzazione delle micro e piccole aziende italiane: sfide, vantaggi e strategie di successo

150

Le micro e piccole imprese sono il cuore pulsante dell’economia italiana, dal momento che rappresentano oltre il 95% del numero totale di imprese del Paese e che impiegano ben il 45% della forza lavoro.

Nonostante l’enorme peso che esercitano sulla produttività e il ruolo di traino economico che rivestono, tuttavia, queste aziende si trovano a operare in un contesto sempre più globalizzato e competitivo, che implica continui cambiamenti e adattamenti.

In tal senso, una delle contromisure più efficaci che possono mettere in atto per crescere e mantenere un alto livello di competitività è quella che prende il nome di internazionalizzazione di impresa.

In questo articolo, esamineremo le sfide e le opportunità dell’internazionalizzazione per le imprese italiane e presenteremo strategie e risorse per superare gli ostacoli e cogliere i vantaggi di un’espansione oltre confine.

L’internazionalizzazione delle imprese: significato, benefici e opportunità

Perché le aziende ambiscono all’internazionalizzazione

L’internazionalizzazione delle imprese è il processo attraverso il quale un’azienda estende la propria attività al di fuori dei confini nazionali, entrando in nuovi mercati e interagendo con clienti, partner e fornitori internazionali.

Il processo di internazionalizzazione può includere l’apertura di filiali o uffici all’estero, la creazione di joint venture con partner stranieri, l’acquisto di aziende estere o l’espansione delle vendite e del marketing a livello globale.

Tra i vantaggi più importanti che questa strategia porta con sé, vi sono:

Riduzione dei costi: spostare la sede aziendale in Paesi più accoglienti dal punto di vista fiscale o affiancarsi a fornitori di prodotti o servizi più economici. Questo può portare a una maggiore efficienza e competitività nel lungo periodo.

Aumento dei guadagni: per un’impresa espandersi all’estero significa più margine di crescita, grazie all’accesso a un pubblico target più ampio.

Diversificazione del rischio: operando in diversi mercati, le imprese possono ridurre il rischio associato alle fluttuazioni economiche o politiche locali e distribuire meglio il rischio tra diverse aree geografiche.

Innovazione e apprendimento: l’internazionalizzazione offre alle imprese la possibilità di apprendere da nuovi mercati, acquisire conoscenze e competenze diverse, stimolare l’innovazione e migliorare i propri prodotti e servizi.

Miglioramento del brand e della reputazione: piazzare il proprio vessillo aziendale in terre straniere permette alle imprese di migliorare la percezione del proprio brand e di rafforzare la propria reputazione nel mercato internazionale.

Ostacoli al processo di internazionalizzazione

Sfide nelle espansioni internazionali

L’espansione all’estero può aprire nuove prospettive di crescita e sviluppo, migliorando la competitività e la resilienza delle imprese italiane in un contesto economico sempre più interconnesso.

Tuttavia, in questo percorso di crescita, sono diverse le sfide da affrontare, tra cui:

Costi di espansione: l’espansione internazionale richiede investimenti iniziali, come la ricerca di mercato, l’adattamento del prodotto o del servizio alle esigenze locali, la promozione e il marketing, e la creazione di una rete di contatti e partner internazionali. Questi costi possono essere elevati per una piccola impresa con risorse finanziarie limitate.

Difficoltà nell’accesso al credito: le piccole imprese spesso incontrano difficoltà nel reperire finanziamenti esterni, come prestiti bancari o investimenti, a causa della loro dimensione e del rischio associato. Le banche e gli investitori potrebbero essere riluttanti a finanziare un’espansione internazionale se ritengono che l’impresa non abbia la capacità o l’esperienza necessaria per avere successo all’estero.

Barriere amministrative e burocratiche: tra le difficoltà più comuni non possiamo non contare anche quelle di tipo legale, normativo e burocratico, come ottenere licenze e permessi, adeguarsi alle normative locali e internazionali e gestire questioni fiscali e doganali. Questi adempimenti possono comportare costi aggiuntivi e richiedere tempo e risorse che le micro e piccole imprese potrebbero non avere.

Barriere linguistiche e culturali: la comunicazione efficace è fondamentale nel processo di internazionalizzazione. Le imprese devono adattare i propri prodotti e servizi alle esigenze dei consumatori locali e comprendere le norme culturali dei mercati di destinazione.

Competizione con imprese più grandi: le piccole imprese italiane possono trovarsi in concorrenza con imprese più grandi e consolidate nel mercato internazionale, che dispongono di risorse e vantaggi competitivi superiori. Questo rende più difficile competere e acquisire quote di mercato all’estero.

Sostegni, incentivi e soluzioni per l’internazionalizzazione delle micro e piccole imprese

Per fronteggiare questi ostacoli, le micro e piccole aziende dovrebbero mettere in campo una strategia accurata, che permetta loro di ottimizzare le risorse a disposizione e atterrare in maniera morbida su nuovi mercati.

Le opzioni di certo non mancano. Esistono vari incentivi e sostegni disponibili, nonché istituzioni competenti – come l’ICE, le Camere di Commercio e gli enti regionali – a cui è possibile rivolgersi per ottenere assistenza e consulenza personalizzate:

Finanziamenti e sovvenzioni. Esistono diversi programmi di finanziamento a livello nazionale, regionale e internazionale, come quelli offerti dall’Unione Europea, che possono fornire alle piccole imprese risorse economiche per sostenere la loro internazionalizzazione. Questi fondi possono essere utilizzati per coprire costi di ricerca di mercato, marketing, formazione del personale e altre spese legate all’espansione.

Garanzie creditizie. Alcune istituzioni pubbliche e private offrono garanzie creditizie alle piccole imprese che cercano di ottenere finanziamenti per l’internazionalizzazione. Per esempio, tra queste troviamo il Fondo di Garanzia, un’agevolazione istituita dal Ministero dello Sviluppo Economico in collaborazione con l’Unione Europea per aiutare le piccole imprese che, non disponendo di garanzie, hanno difficoltà a ottenere prestiti e finanziamenti presso banche e istituti di credito.

Supporto tecnico e consulenza. Le piccole imprese possono beneficiare di servizi di consulenza e supporto tecnico forniti da organismi come l’ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane), le Camere di Commercio e gli enti regionali, che offrono assistenza nella ricerca di mercato, nella pianificazione dell’espansione e nella gestione dei rischi associati all’internazionalizzazione.

Formazione e networking. Partecipare a fiere, eventi e missioni commerciali all’estero può aiutare le piccole imprese a creare una rete di contatti internazionali e acquisire conoscenze e competenze utili per l’espansione all’estero. Inoltre, esistono programmi di formazione e workshop specifici per le PMI che mirano a migliorare le competenze del personale in ambito internazionale, tra cui quelli di Invitalia, la già citata ICE, che organizza seminari rivolti alle PMI per favorire la promozione del Made in Italy all’estero, e Confindustria, che attraverso le sue associazioni territoriali organizza corsi su temi quali la contrattualistica e il marketing internazionali.

Agevolazioni fiscali e incentivi. Alcune agevolazioni fiscali e incentivi, come sgravi fiscali e deduzioni, possono essere disponibili per le imprese che investono in attività di internazionalizzazione. Queste misure possono ridurre il carico fiscale e aiutare a finanziare l’espansione all’estero.

Piano d’azione per l’internazionalizzazione di un’impresa

Grazie al composito sistema di finanziamenti, agevolazioni e risorse distribuite sul territorio nazionale, espandersi a livello internazionale non è dunque appannaggio esclusivo delle aziende di grandi dimensioni, che dispongono di mezzi e strumenti, ma è una possibilità concreta anche per le micro e piccole imprese, a patto di seguire alcune strategie chiave. Queste includono:

  1. Una pianificazione accurata. Le imprese devono sviluppare un piano di internazionalizzazione solido, tenendo conto delle esigenze del mercato target, delle risorse necessarie e del calendario di attuazione.
  2. Ricerca e analisi di mercato. È fondamentale comprendere a fondo il mercato estero e identificare le opportunità di crescita e le sfide specifiche del settore.
  3. Creazione di una rete di contatti internazionali. Le imprese devono costruire relazioni con partner, clienti e fornitori esteri attraverso la partecipazione a fiere, eventi e missioni commerciali all’estero.
  4. Adattamento culturale e linguistico. Per avere successo all’estero, le micro e piccole imprese devono adattare i propri prodotti e servizi alle esigenze dei consumatori locali e comprendere le norme culturali dei mercati di destinazione. Per riuscirci, possono avvalersi dei servizi di un’agenzia di traduzione professionale e consulenti esperti nella cultura locale.
  5. Accesso ai finanziamenti e supporto istituzionale. Le imprese possono cercare sostegni finanziari e incentivi specifici offerti da istituzioni nazionali e internazionali, nonché beneficiare di programmi di accompagnamento e consulenza per facilitare il processo di internazionalizzazione.

È importante ricordare che l’internazionalizzazione non è un processo immediato e richiede tempo, impegno e dedizione. Tuttavia, con la giusta pianificazione e l’utilizzo di risorse adeguate, anche le micro e piccole imprese possono cogliere le opportunità offerte dai mercati internazionali, consolidare la loro presenza e prosperare nel mercato globale.