Perché devi pensare di acquistare una stufa a pellet ad aria

140

Quando l’inverno si avvicina una cosa, più delle altre, ci viene in mente: il caldo. Se non si può partire per andare dall’altra parte del mondo e sdraiarsi su una spiaggia tropicale, è necessario che nelle case ci sia una fonte di riscaldamento. E quella di cui vi vogliamo parlare oggi è la stufa a pellet ad aria, un sistema innovativo che presenta anche numerosi vantaggi.

Cos’è e come funziona la stufa a pellet ad aria

La stufa a pellet ad aria è una vera e propria svolta: consente di generare e propagare calore anche a diversi metri di distanza. La cosa più interessante, poi, è che la dispersione del caldo è davvero minima.

Una stufa come questa funziona tramite dei generatori di aria calda che sono in grado di garantire il riscaldamento adeguato in tutti i locali in cui ci si trova.

Quello che viene utilizzato, tra le altre cose, è un combustibile pulito e rinnovabile e, soprattutto, capace di produrre calore immediatamente. Tra quelle che si trovano in commercio in questo momento, ce ne sono tantissime con rivestimenti e design all’avanguardia, veri e propri pezzi di arredamento (e che riscaldano) in grado di adattarsi perfettamente ad ogni stile di abitazione.

Se clicchi qui scopri le promozioni delle stufe a pellet ad aria di Artel che, oltre ad essere bellissime da vedere, scaldano la stanza in cui vengono poste in un batter d’occhio e a costi praticamente minimi.

Ovviamente il prezzo delle stufe a pellet ad aria varia in base a diversi fattori, tra cui le potenzialità di accumulo del calore del rivestimento. Ma tutte, a livello generale, rappresentano un sistema di riscaldamento efficiente, affidabile e garantiscono un sensibile risparmio economico nella bolletta elettrica e, attualmente, non è per niente una cosa da poco.

Come scegliere la giusta stufa a pellet ad aria

Per scegliere la giusta stufa a pellet ad aria è necessario fare alcune valutazioni prima dell’acquisto.

Innanzitutto, è fondamentale assicurarsi che essa rispetti le norme nazionali in materia di sicurezza, compreso il controllo della documentazione che verrà fornita dalla ditta che installerà la stufa.

Un’altra cosa da valutare attentamente è il grado di isolamento dell’ambiente in cui la stufa a pellet ad aria andrà collocata. Le abitazioni più vecchie, infatti, spesso non sono luoghi ottimali per l’isolamento a causa degli spifferi, degli infissi ormai malandati e di alcuni punti della casa che non vengono mai baciati dal sole, angoli difficili da scaldare.

Infine, un altro elemento necessario da esaminare è la potenza termica della stufa stessa, ossia la sua capacità di riscaldare un ambiente. Potrebbe sembrare una banalità, ma nei fatti è molto importante scegliere la stufa a pellet ad aria con la potenza termica adatta.

Questo vuol dire che la stufa deve avere un rendimento di circa il 90%. In poche parole, su 100 kg di pellet, 90 devono essere trasformati in calore. Non c’è da dimenticare, tuttavia, che un rendimento così elevato dipende molto anche dalla qualità del combustibile utilizzato.