Quale riscaldamento è più adatto per la nostra casa

152

Per riscaldare la propria abitazione oggi ci sono vari tipi di impianti di riscaldamento, da utilizzare a seconda delle proprie esigenze e per ottenere anche un notevole risparmio

Stufa, il riscaldamento più economico

Sono in molto oggi coloro che decidono di investire in un sistema alternativo di riscaldamento, sia per risparmiare denaro, in quanto i prezzi di gas e elettricità stanno aumentando, sia per dare un contributo ecologico all’ambiente che ci circonda.

Grazie a un tipo di riscaldamento economico per la casa possiamo quindi far la differenza dal punto di vista dell’impatto sull’ambiente, e riuscire anche a spendere meno.

Ma qual è un tipo di riscaldamento economico? forse non sembrerebbe, ma la stufa offre il riscaldamento più economico. La stufa brucia legna o pellet di legna, entrambi materiali naturali e quindi ecologici.

Bruciare legna tuttavia produce micropolveri che vanno ad aumentare il livello di pm10 nell’aria e infatti proprio per questo in molte zone è vietato o molto limitato l’uso di caminetti e stufe che siano inefficienti; sono invece ammesse le stufe a biomassa ad alto rendimento che abbiano delle certificazioni. Quindi si al riscaldamento a legna o a pellet, ma con stufe moderne e tecnologicamente efficienti, in modo che si riduca al minimo l’emissione di particelle e ceneri.

C’è anche da considerare l’aspetto logistico dello stoccaggio di legna, che per molti è poco realistico, sopratutto per chi vive in un appartamento in città.

Riscaldamento super economico

Un tipo di riscaldamento super economico e anche a impatto zero è quello della pompa di calore. La pompa di calore prevede però un grande investimento tecnologico rispetto alla classica caldaia, ed arriva alla sua massima efficienza lavorando in contemporanea con il solare termico o un impianto fotovoltaico. Occupa più spazio di una caldaia, infatti potrebbe assomigliare a un grosso frigorifero.

La pompa di calore trasforma l’energia elettrica in energia termica. Il calore è estratto da una fonte naturale (aria, acqua, terreno) e permette di riscaldare gli ambienti interni.

Ci consente un notevole risparmio dal 40 al 60% e permette una totale indipendenza dal gas metano e dagli altri combustibili fossili. Tuttavia per funzionare necessità di elettricità, motivo per cui potrebbe essere affiancata da pannelli fotovoltaici per ricavare elettricità in modo alternativo.

Il riscaldamento elettrico più economico

Nella ricerca di un tipo di riscaldamento economico per la casa è necessario prendere in considerazione la sostituzione della vostra vecchia caldaia con una più efficiente.

Oltre agli incentivi fiscali presenti in molte zone che permettono di ridimensionare le spese, si può anche risparmiare evitando gli sprechi.

Le caldaie a condensazione ad esempio ricavano energia dai fumi di combustione, con un grande rendimento energetico e inquinando poco.

Si possono tranquillamente inserire nei normali impianti di riscaldamento domestico.

Possono anche essere integrate con i pannelli fotovoltaici, e farci risparmiare di più.

Il riscaldamento elettrico più economico resta quello con la pompa di calore, che funziona ad elettricità ma permette un notevole risparmio energetico e non inquina.

Riscaldare casa a costo zero

Su internet gira da diverso tempo un tutorial per imparare a riscaldare casa a costo zero; si tratta del metodo da attuare in casa con quello che tutti abbiamo di solito a disposizione.

In pratica servono:

un vaso con un sottovaso

un vaso più piccolo di quello precedente

un’asticella di ferro

una catenella

quattro candele anche piccole.

Con questi pochi elementi si può realizzare un piccolo impianto di riscaldamento fai da te; ovviamente la quantità di calore emessa scalda un dato numero di m quadrati, quindi se dovete scaldare una stanza grande, di sicuro non basterà.

Il combustibile più economico per il riscaldamento

Il combustibile più economico per riscaldamento restano in ogni caso la legna e le biomasse, anche perché utilizzando stufe di ultima generazione si possono ottimizzare i consumi e minimizzare l’inquinamento ambientale dovuto ai fumi.

Tuttavia ultimamente, proprio per la grande richiesta di questi materiali, anche la legna e il pellet stanno iniziando ad aumentare i loro prezzi di più del doppio.

Quindi in pratica ognuno deve analizzare con cura la situazione della propria abitazione, e capire quale tipo di riscaldamento conviene, per noi e anche per l’ambiente, e scegliere quello più adatto.