8 Strategie di marketing per strutture ricettive

253

Il marketing alberghiero è una disciplina complessa e sfaccettata, ed è facile consumare tempo e risorse preziose senza ottenere risultati sostanziali. Per raggiungere i propri obiettivi, gli hotel devono adottare un approccio strategico, combinando le basi del marketing con nuovi modi creativi per attirare i viaggiatori di oggi.

Che tu gestisca un hotel, una locanda, un B&B, un ostello o una casa vacanze, queste idee e strategie di marketing ti aiuteranno a raggiungere gli obiettivi principali del marketing turistico: creare brand awareness e generare domanda.

Ne parliamo con Marco Bove, titolare della web agency I’M Evolution, specializzata in strategie di marketing turistico.

Ma prima di iniziare, cos’è il marketing turistico?

Ciao Marco, benvenuto tra noi! Prima di entrare nel vivo delle strategie di marketing, vorrei ci fornissi la tua definizione di marketing turistico, spiegando perché è così importante al giorno d’oggi.

Il marketing turistico è la promozione dell’attività svolta da aziende del settore alberghiero, luoghi di svago, ristoranti e simili. Questa attività di promozione include tutte le azioni che si concentrano sull’attirare nuovi clienti attraverso varie tecniche, piattaforme e canali di distribuzione. 

Non si tratta più solo di vendere un pacchetto di volo, hotel e alloggi: il modo di fare affari nel turismo nel 2022 fa sempre più appello ai sentimenti. Al nuovo consumatore piacciono le informazioni personalizzate, che aggiungono valore. Infatti, cerca su Google, consulta l’RRSS e cerca risposte immediate su ciò che gli interessa.

Il cliente ora è omnicanale e prima di acquistare vorrà vedere diverse opzioni e conoscere le opinioni dei consumatori. Per questo, lo scopo del marketing turistico è quello di identificare le esigenze dei clienti al fine di instaurare un rapporto di fiducia capace di portare alla conversione.

Quali sono le migliori strategie di marketing turistico?

Quindi Marco, quali strategie di marketing turistico consiglieresti per migliorare la propria visibilità online e aumentare le entrate?

Negli ultimi anni, le aziende turistiche devono adattarsi allo sviluppo della tecnologia e all’iperconnettività degli utenti con i social network. Le agenzie di viaggio sono sempre meno frequentate, soprattutto dai giovani, mentre i portali online registrano un vero e proprio boom di prenotazioni.

Le modalità di vendita e sponsorizzazione e, quindi, le strategie di marketing, sono cambiate radicalmente. Tutto ruota intorno ai bisogni del turista, al fine di proporre prodotti ed esperienze sostenibili e in linea con le loro aspettative. Per farlo dobbiamo fare leva su 8 aspetti:

  1. Creare un sito web responsive. Secondo il Summer Travel Report, l’84% dei viaggiatori utilizza i dispositivi mobili per effettuare transazioni legate al turismo, come prenotazioni, noleggi di servizi, acquisto di pacchetti turistici e così via. Avere un sito web con un ottimo motore di prenotazione che garantisce un funzionamento ottimale 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana è una strategia di marketing turistico fondamentale per qualsiasi attività alberghiera.
  2. Puntare sulla disintermediazione turistica. Le agenzie di viaggio online (OTA) si sono affermate come uno dei canali principali nel panorama delle vendite online in Italia. Sappiamo tutti le conseguenze: la percentuale di vendite dirette è piccola, le commissioni esose ed è molto difficile “diventare indipendenti” e operare autonomamente. Quindi, cosa possono fare gli hotel per indirizzare le conversioni sui loro siti web? La soluzione sta nell’applicare strategie di disintermediazione turistica. Per un approfondimento leggi l’articolo di I’M Evolution sulla Disintermediazione Turistica.
  3. Utilizzare l’inbound marketing. Potresti non conoscere l’efficacia di questa strategia di marketing turistico, ma, secondo HubSpot, il 75% delle aziende italiane ricorre all’Inbound Marketing come mezzo per farsi conoscere sul mercato. È una metodologia che si basa sulla creazione di contenuti digitali, la loro pubblicazione, distribuzione e promozione, con l’obiettivo di attirare gli utenti con materiali interessanti e di qualità. Lo scopo è quello di intercettare gli utenti che ricercano i loro servizi, al fine di convertirli in clienti.
  4. Potenziare la SEO. Se crei un sito web, non puoi aspettarti che i possibili clienti possano trovarti dal nulla. Per il traffico organico (non a pagamento), una delle priorità principali è l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO), che si basa in particolar modo sulla ricerca delle parole chiave che identificano la tua attività.
  5. Investi nella SEM. Un’altra parte fondamentale del marketing mix digitale per strutture ricettive è la pubblicità a pagamento (SEM) o campagne di email marketing. Con un investimento modesto, puoi competere con le OTA e le grandi catene alberghiere per apparire in cima ai risultati di ricerca, facendo offerte su parole chiave molto specifiche tramite Google Ads o Hotel Ads di Google. 
  6. Sfrutta il potere del social media marketing. I viaggiatori amano utilizzare i social media per condividere esperienze di viaggio e scoprire nuove destinazioni. Per i proprietari di hotel, Facebook, Instagram e persino LinkedIn (scopro come funziona qui)  sono canali a basso costo per connettersi con i viaggiatori e coinvolgere gli ospiti con immagini, video, reels e storie stimolanti. Crea contenuti condivisibili e utilizza hashtag, concorsi, offerte speciali e annunci a pagamento per amplificare la tua copertura.
  7. Espandi la tua portata con l’influencer marketing. Potendo contare su una platea di follower fedeli, gli influencer dei social media possono avere molto potere quando si tratta di influenzare il comportamento degli utenti. Gli influencer possono aiutarti ad espandere la tua esposizione e far crescere il tuo seguito. Mentre può essere costoso lavorare con grandi influencer, molti “micro-influencer” potrebbero essere disposti a promuovere la tua proprietà in cambio di un soggiorno e cene gratuite. Cerca influencer specializzati in viaggi e che abbiano un seguito molto nutrito.
  8. Concentrati sul video marketing. Con oltre 2,3 miliardi di utenti mensili in tutto il mondo, YouTube è un potente canale promozionale che molti hotel trascurano o sottovalutano. Ma YouTube è solo uno dei tanti canali di video marketing popolari tra cui Facebook, Instagram e TikTok. Per sfruttare le opportunità del video marketing, crea un canale YouTube per la tua struttura e cura con attenzione le storie. Quando crei video, presta particolare attenzione all’illuminazione, alla prospettiva, al suono e all’editing per assicurarti che il tuo materiale sia avvincente e professionale.

Come puoi vedere, ci sono una serie di strategie di marketing turistico che puoi utilizzare per ottenere maggiore visibilità, aumentare la brand awareness e ottenere più prenotazioni. Scopri cosa puoi iniziare e non aver paura di chiedere supporto ad un’agenzia di marketing per espandere i tuoi sforzi.