Italia-Germania 1-1: il nuovo corso azzurro riparte da Bologna

111

La vittoria sarebbe stata meritata ma il pareggio è comunque un buon segnale. Il nuovo corso azzurro di Roberto Mancini riparte da Bologna con un positivo 1-1 contro la Germania. L’allenatore elogia il nuovo gruppo. “Sono stati bravi i ragazzi. Non era facile, per la prima volta giocavano insieme. Siamo partiti un po’ contratti poi siamo cresciuti. Certo, siamo stati un po’ polli a concedere subito il gol del pareggio, ma tutto sommato è andata bene. Siamo cresciuti in fretta”.

Il nuovo corso riparte da Gnonto (che ha incantato) e da tanti altri volti nuovi per l’azzurro. “Noi dobbiamo pensare alla nostra squadra, ci sono giovani bravi e io li faccio giocare. Sono stati bravi perché non era facile: la Germania è una delle squadre più forti. Il risultato non cambia nulla, la strada è lunghissima, però ai miei dico bravi per come sono cresciuti durante la gara”.

Pellegrini, autore del vantaggio azzurro è orgoglioso. ” Si è rivista una squadra, sapevamo che sarebbe stata una partita difficile. Siamo contenti, si stanno dicendo tante cose in questi giorni. C’è bisogno di ritrovare un gruppo di uomini prima che calciatori. Abbiamo tenuta testa a un avversario fortissimo. La Germania ha dato un’intensità incredibile, abbiamo fatto vedere un punto da cui ripartire” ha detto il calciatore a Rai Sport. “Bisogna essere equilibrati. Non siamo gli ultimi arrivati dopo una sconfitta e non basta una vittoria per essere arrivati. Dobbiamo ripartire dai ragazzi, ci sono un sacco di giovani che si allenano al 100% e si mettono a disposizione. Sono sulla strada giusta”.