Serie BKT 34esima giornata sconfitta meritata del Crotone contro una Ternana cinica e attenta in ogni parte del campo. La retrocessione dei pitagorici in Lega Pro ormai è nei fatti

333

Crotone 1
Ternana 2

Marcatori: Golemic 6°, Partipilo 28°, Defendi 76°

Crotone (3-4-2-1): Festa, Canestrelli, Golemic, Nedelcearu (Gural), Mogos, Estevez, Schiro’ (Vulic), Sala (Giannotti), Cangiano (Kargbo), Marras (Borello), Maric. All. Modesto

Ternana (4-3-2-1): Krapikas, Martella (Diakite), Bogdan (Boben), Soresen, Celli, Koutsoupias (Paghera), Proietti, Palumbo, Partipilo, Donnarumma (Pettinari), Furlan (Defendi).
All. Lucarelli

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta
Assistenti: Della Croce – Ceccon
Quarto giudice a bordo campo: Luigi Carella di Bari
Var: Prontera – Avar: Mokhtar
Ammoniti: Estevez, Bogdan, Martella
Angoli: 6 a 4 per il Crotone
Recupero: 1 e 3 minuti
Spettatori: 2024, incasso euro 9.147,00

Finché non sarà emesso l’ultimo triplice fischio, il Crotone continua a lottare contro qualsiasi avversario per evitare che una stagione iniziata male finisca peggio. Ma adesso non sarà più cosi. L’ultima partita ha evidenziato quanta poca voglia d’azzannare esiste tra gli Squali per rimanere nella cadetteria. La conferma doveva arrivare dall’ultimo successo contro la Ternana preceduta dai due pareggi. Cosi non è stato nel momento clou del campionato. Gli uomini del tecnico Lucarelli ce l’hanno fatta a cancellare la batosta (1-4) subita sul proprio terreno la precedente giornata ad opera del Lecce. Il Crotone, invece, sta dimostrando di essere sempre la squadra “materasso” che si può affrontare con facilità. Indipendentemente da chi entra in campo i tre punti non conquista mai. Assenti per squalifica Schnegg, Awua, Kone, mister Modesto, di nuovo sulla panchina dopo la squalifica, ha schierato Schiro’ mediano e Sala esterno sinistro confermando nove/undicesimi della precedente formazione.
Due soli cambi anche nella Ternana: Martella difensore destro in sostituzione di Ghiringhelli, e Soresen difensore centrale con relativo spostamento di Furlan in attacco al posto di Pettinari.
Avvio delle giocate da parte della Ternana che dopo qualche minuto, quinto, colpisce la traversa con Palumbo, la difesa pitagorica poco attenta per l’occasione. Si rifà immediatamente il Crotone dallo scampato pericolo ed al sesto minuto, in seguito ad un calcio d’angolo arriva il vantaggio con Golemic. Avrebbe dovuto essere l’azione favorevole per gestire al meglio i primi quarantacinque minuti potendo sfruttare gli spazi che la Ternana lasciava aperti alla ricerca del pareggio. La non buona prestazione di Sala a sinistra, Cangiani a destra e l’imprecisione negli appoggi a centrocampo di Estevez e Schiro’, hanno favorito le giocate degli ospiti che sono riusciti a pareggiare in seguito ad un altro tiro piazzato. Ventisettesimo minuto punizione dal limite a favore della Ternana per fallo di mano di Estevez. Batte Palumbo, mette dentro il pallone Partipilo. Giornata negativa, con riferimento ai primi quarantacnque minuti + uno di recuoero, da parte dell’attaccante Maric mai pronto nel raccogliere gli assist dei compagni.
È la Ternana a fare la partita nella ripresa. In due occasioni: cinquantatreesimo e cinquantaquattresimo, fallisce il raddoppio. Crotone sempre più in balia degli avversari e mister Modesto cerca di imprimere un maggiore slancio alla squadra con gli ingressi di Kargbo, Borello, Giannotti. Disapprova il pubblico locale per i cambi effettuati, e non a torto.
Il vantaggio degli ospiti arriva al minuto settantasei per merito di Defendi, dopo pochi minuti entrato in campo. Sconfitta che significa per il Crotone il ritorno in Lega Pro, indipendentemente da ciò che afferma la logica pitagorica. Mister Modesto parli alla stampa e spieghi il perché di questa disastrosa annata del Crotone sotto la sua guida tecnica.