E, riconoscersi

318

E, riconoscersi

Di Vincenzo Calafiore
3 Marzo 2022 Udine

“ La purezza stà nel silenzio, perché il silenzio è puro. Il silenzio è sacralità. Non divide ma unisce e lega le persone. Sai solo chi è a proprio agio con un’altra persona può fare a meno di parlare. Questo è il grande problema.
” I desideri, i sogni, le emozioni, sono realtà intime, personali sono la cosa più importante che abbiamo, non svendiamoli, non lasciamoli morire in una memoria arida e vuota d’amore.
Così, accade che varrà la pena di non dormire pur di stare dietro ad un proprio desiderio, sogno, a un’emozione. “ Vincenzo Calafiore

Non lo sai, non potrai mai saperlo, che ho smesso da molto, arrivando alle seconda riga, cancellare quanto ho scritto e ho riscritto nuovamente da dove il cuore mi suggeriva.
Cercai in quel tempo degli inizi che avessero in se la poesia, e stupidamente non capii che la poesia era già in me, ed era lì assieme ai desideri, ai sogni, alle mie immaginazioni, nei miei occhi, ed era inutile la ricerca.
Poi, nel tempo, ho capito che un grande cuore non muore nel giorno e continua a battere a respirare la notte, senza barriere, senza limiti, ma tutto nelle armonie e confessioni interiori che mi hanno messo al riparo da certi temporali devastanti che nella notte illuminavano fiori che erano nati e sbocciati nascondendo una struggente bellezza.
E quanta fatica mostrare un sorriso, il migliore, stando male e fingendo di stare bene o essere felice, mentre tutto dentro crolla o è già crollato; così di notte silenziosamente, il cuore va morendo e come l’anima che si spezza non fa rumore, questo lo fanno i pensieri in testa.
Così si cerca fingendo d’essere forti e di sorridere sempre, guardando avanti un traguardo che non c’è, un posto a cui andare, una vita diversa, un qualcosa che possa permettere di rialzarsi sempre dalla polvere. Anche se il più delle volte è davvero difficile, è troppo dura sorridere, è troppo dura inseguire la felicità che manca mentre pare che altri la posseggono.
Ma ci sono gli occhi e questi non sanno mentire, non conoscono la menzogna, si leggono facilmente, così trasparenti, così innocenti.
Vivere è un cadere o un inciampare sempre ; ci si rialza malconci o rotti, ma ci si rialza, lasciando a terra l’armatura, gettando via i perché, e continuare a sognare, a dipingere i giorni, a esprimere desideri, a inventare sogni, ad amare.
E’ questa la vita: tutta, interamente tutta in una parola: Amare.
Non esiste un giorno solo per amare!
E’ volere una persona accanto, una persona incapace di calpestare il cuore, in grado di colmare i giorni , di colorarli coi colori più caldi, con le forti tinte dell’amore, che abbia negli occhi il cielo più blu.
Un uomo capace di amare giorno per giorno con la stessa intensità del primo giorno, con le braccia capaci di stringere, di donare un bacio lungo un’esistenza: è questo l’amore, questa è la vita!
Vivere assieme è prendersi cura dell’altro non un solo giorno ma per sempre…. E non importa dove, come.
Ci sono muri interiori altissimi che potrebbero sgretolarsi di fronte alla tenerezza, quella tenerezza che è in noi, perché lasciarla morire? La parte più difficile è accettare l’idea che certe persone possono soltanto sfiorarti, attraversare il tuo cammino per il tempo di un sorriso, di una stretta di mano. E ci sono sere più o meno fiabesche in cui ci si trova a parlare con chi da troppo tempo non ci si vede o con chi non avresti mai pensato…. e dire cose che non avresti mai a nessuno confessato. Ci sono occhi che ti salvano e non vorresti più smettere di guardarli, ma semplicemente non puoi.
La parte più difficile è che la consapevolezza la mattina del giorno dopo piomba addosso: le magie sono svanite, restano i segni delle carezze, dei baci a fior di labbra, sogni da amare, lettere d’amore! Realtà che non vogliono attendere o morire in un’attesa, Sono piccoli segni che rimangono scritti sulla pelle con inchiostro indelebile!
Se c’è una cosa che ho imparato è questa: E’ riconoscersi !
Amare! E’ solo questo è davvero importante e quando arriva il momento di amare, non si pensi di scappare, è rimanere, è stare lì, dignitosamente, ad amare. Solo questo è importante.