Serie A quarta giornata primo punto del Crotone con il gol di Simy su rigore contro una mediocre Juventus

311

Crotone    1

Juventus   1

Marcatori: 12° Simy ( R), 21° Morata

Crotone (3-5-2): Cordaz, Mallagan, Marrone, Luperto (Golemic), Pereira (Rispoli), Cigarini, Molina, Vulic (Silicardi), Reca, Messias, Simy. All. Stroppa

Juventus (3-4-3): Buffon, Danilo, Bonucci, Demiral, Portanova (Cuadrado), Rabiot, Arthur (Rabiot), Frabotta, Chiesa, Morata, Kulusevski (Bernardeschi). All. Pirlo

Arbitro: Fourneau di Roma1

Assistenti: Lo Cicero – Cecconi

Quarto giudice:Pezzuto

Addetti Var: Abisso – Longo

Ammoniti:Cicarini, Portanova, Kulusewsky, Reca,

Espulsi: Chiesa 59°

Angoli:5 a 5

Recupero: 7 minuti

Un minuto di raccoglimento per onorare la memoria della presidente della Calabria, Iole Santelli, prima dell’incontro. Calcio d’inizio a favore della Juve con Morata ma è il  Crotone per nulla timido fin dall’inizio a mettere in difficoltà i Bianconeri. Terzo minuto prima azione pericolosa costruita dal Crotone con Simy  che  calcia debolmente. Il vantaggio pitagorico al dodicesimo minuto con Simy  che mette dentro il pallone dagli undici metri. Il fallo da rigore commesso da Bonucci su Reca. Ventunesimo minuto ancora pericoloso il Crotone  che potrebbe raddoppiare. Nella ripartenza gli ospiti agguantano il pareggio con Morata dopo l’assist di Chiesa dalla destra. Quarantunesimo minuto super Cordaz salva il risultato di parità respingendo il tiro di Portanova. Al minuto quarantaquattro è Buffon  che imita il collega evitando alla sua squadra di subire il secondo gol. Un bel Crotone  che avrebbe meritato di chiudere in vantaggio il primo tempo. Simy si è  confermato goleador nei confronti della Juve. Ripresa ancora a favore del Crotone con la Juve  che si innervosisce con il passare dei minuti ed a rimetterci è Chiesa espulso. In dieci la Juve gioca meglio e guadagna campo. Minuto sessantadue palo degli ospiti. Vantaggio bianconero al minuto settantasei con Morata ma il Var annulla.

Simy evita alla Juve di vincere per la seconda volta.

Dopo tre anni e per la quarta volta in forma ufficiale, l’Ezio Scida ha ospitato la Signora del calcio Italiano. Novità di quest’ultimo incontro: la presenza di mille tifosi sulle gradinate.

L’evento: stadi vuoti per la maggior parte, che continuerà ad esistere ancora finché Covid-19 non sarà annientato in maniera definitiva. La notte dell’Ezio Scida sarà ricordata anche per l’assenza di Ronaldo dal terreno di gioco perché positivo al Coronavirus. 

Le altre assenze tra le fila della Juventus hanno riguardato MecKennie, Ramsey, Alex Sandro, Cuadrado, Chiellino, Szczesny, sostituiti da Buffon, Demiral, Portanova, Arthur, Frabotta, Chiesa. Prima volta di Buffon tra i pali in questo campionato e prima volta di Chiesa con la maglia della Juve. Diverso anche l’assetto tattico predisposto inizialmente da mister Pirlo che ha optato per il 3-4-3 in sostituzione del 4-4-2. Trio offensivo con Chiesa, Morata, Kulusewsky. Crotone in campo con i dieci/undicesimi sconfitti contro il Sassuolo. Unica variante nel reparto difensivo dove Luperto ha sostituito Golemic a sinistra.

Ottima partita il cui merito va anche ai pitagorici, mai timidi nei confronti dei più quotati avversari. “Dobbiamo disputare una partita perfetta” aveva annunciato mister Stroppa alla vigilia. E quando il risultato finale da ragione, significa che tutto ha funzionato bene, al netto di qualche distrazione che può anhe starci considerando lo spessore tecnico dell’avversario. Juve che paga dazio a causa delle assenze.