Bitcoin: una rivoluzione nel sistema economico mondiale

297

Quando nessuno ci credeva, nel 2012 è nata una valuta virtuale che valeva pochi euro. Nel 2013 valeva oltre 1000 euro. Ma il 2017 è l’anno del digiuno, quando ha raggiunto i 10 mila euro e aumentando esponenzialmente il suo valore giorno dopo giorno.

Questa è la storia di Bitcoin, criptovaluta con pochi anni di vita, ma con un grande potenziale, qualcosa di assolutamente innovativo, non regolato dalle banche, ma che influenza l’economia in modo importante. Una vera invenzione rivoluzionaria che, se questa tendenza alla crescita continua, metterà a rischio il sistema economico così come lo conosciamo, forzando un ripensamento totale del concetto di moneta e scambio economico.

Che cos’è un Bitcoin?

Bitcoin è una valuta virtuale, o criptovaluta, che il denaro, in senso classico, non lo è, che è controllato e scambiato completamente ed esclusivamente da computer e server su Internet. È un servizio anonimo (perché crittografato) e pubblico, totalmente trasparente per il sistema. Il bitcoin esiste in una dimensione virtuale in cui la logica peer-to-peer è fortemente radicata, in cui si assume l’assenza assoluta di intermediari nello scambio di informazioni e denaro, in questo caso. Questo è il motivo per cui il mondo extra-Internet guarda Bitcoin con paura, dal momento che è una rivoluzione in grado di minare un sistema secolare.

Perché oggi si parla così tanto? Perché Bitcoin ora afferma di diventare la prima criptovaluta riconosciuta, scambiata e valutata a livello globale, più che una legittima pretesa di giudicare dagli straordinari risultati dei primi anni. Per saperne di più clicca sul bitcoin era.

Le origini

Nel 2008 Satoshi Nakamoto, un programmatore, ha lanciato questa valuta virtuale (rilasciata ufficialmente il 3 gennaio 2009) con l’obiettivo di distribuirla come se fosse un software da installare su un numero di macchine, da cui altre persone potevano usarlo da remoto. Per arrivare a questi minatori, è necessario creare un valore (che in questo caso è un indirizzo) assegnato arbitrariamente dalle persone per lo scambio di un bene concreto. Dopo i primi Bitcoin, gli stessi scambi hanno costruito un valore più o meno elevato, secondo la logica di base dell’economia, che, tuttavia, sono fuori dal controllo delle riserve monetarie, sebbene possano essere convertite.

Bitcoin è un vero accordo tra coloro che lo usano. Qui sta la rivoluzione più grande rispetto alla valuta reale tradizionale. Un valore nominale viene assegnato a qualcosa di scarso valore da utilizzare per la transazione monetaria tra il pagatore e il destinatario.

Miner e Wallet

Il funzionamento del sistema Bitcoin dipende da due elementi di base: il “miner” e il “wallet”. Miner è il termine usato per indicare una calcolatrice che verifica e garantisce che un’operazione sia stata eseguita correttamente. Se all’inizio un computer era abbastanza per svolgere questo ruolo, oggi le capacità di calcolo sono sempre più elevate (5 quintilioni di operazioni al secondo nel mondo), quindi un gruppo di professionisti è stato creato per gestire questo compito. Puoi sempre utilizzare un singolo computer come miner, ma i costi di manutenzione non sono convenienti. Pagamenti, incassi, tracciabilità dei Bitcoin sono tutte operazioni eseguite nei minatori, che rappresentano la vera infrastruttura della criptovaluta: è la banca dei Bitcoin.

Wallet, d’altra parte, è il programma che ti consente di accedere alla rete Bitcoin, dove ci sono indirizzi e chiavi per effettuare transazioni economiche. Il wallet è come una banca personale per Bitcoin, che può essere un’app per smartphone per piccoli pagamenti con QR Code, un servizio web o un software che consente la gestione offline.

Come funziona?

I bitcoin possono essere utilizzati solo se in possesso di una chiave di decrittazione, ottenuta in portafogli. Ogni transazione è archiviata in una “block chain”, un registro che serve a verificare che l’intera procedura abbia avuto esito positivo e che il valore transitato sia stato effettivamente posseduto per primo e quindi depositato. Grazie a una chiave personale, i Bitcoin possono essere spesi, poiché conducono all’indirizzo in cui è possibile effettuare una transazione. Per inviare un Bitcoin o riceverlo, è necessario che la chiave e l’indirizzo coincidano e si “conoscano”.