Monopattini elettrici. La nuova frontiera del trasporto urbano

512

I monopattini elettrici sono destinati a cambiare radicalmente gli spostamenti delle persone in ambito urbano. Auto, scooter e mezzi di trasporto pubblico come autobus, tram e metro sono destinati a essere rimpiazzati sempre più spesso dall’utilizzo dei nuovi monopattini. Una spinta decisiva alla rivoluzione del trasporto cittadino potrebbe averla data la recente pandemia del coronavirus, oltre agli incentivi promossi dal governo per l’acquisto di monopattini e bici alimentati con la batteria elettrica. A seguire una guida completa sui monopattini elettrici, con i modelli migliori e focus su quale scegliere in base alle proprie esigenze.

Come scegliere i monopattini elettrici

Sono almeno 5 gli elementi da prendere in considerazione al momento della scelta del monopattino elettrico da acquistare: batteria, asfalto, peso sopportabile, velocità e tipologia di ruote. Ecco nel dettaglio tutto quello da sapere.

Autonomia

Conoscere l’autonomia della batteria è fondamentale per sapere se è il monopattino giusto per andare al lavoro oppure soltanto per girare intorno al proprio quartiere. Di solito, i monopattini elettrici vengono acquistati da chi ha la sede di lavoro distante 5-10 km dalla propria abitazione. Sempre a proposito dell’autonomia, occorre poi tenere in considerazione il fattore pendenza: quest’ultima comporta infatti un aumento del consumo della batteria e, di conseguenza, una riduzione dei km di autonomia indicati nella scheda tecnica. Nella maggior parte dei casi la soluzione ideale è rappresentata da un’autonomia dichiarata pari ad almeno 40 km.

Asfalto

La quasi totalità dei monopattini elettrici in commercio è pensata per un uso urbano, su strade dunque il più delle volte pianeggianti e su asfalto. Se invece si intende andare su terreni sconnessi e non asfaltati, la scelta deve ricadere sui modelli dotati di motore più prestazionale e con una struttura più robusta. A tal proposito, va sottolineato però che al momento la legge italiana consente il loro utilizzo esclusivamente nelle strade urbane (per maggiori informazioni vai direttamente al paragrafo intitolato Cosa dice la legge italiana).

Velocità

Un altro fattore importante da valutare è la velocità. Se si sta acquistando un monopattino elettrico per un bambino, si consiglia di valutare i modelli con velocità massima tra i 6 e i 15 km/h. In commercio ci sono modelli che raggiungono velocità intorno ai 40 km/h, ma di fatto sono inutilizzabili in città dal momento che la velocità massima consentita dalla legge è di 25 km/h. Prima dunque di acquistare un prodotto, informarsi sulla velocità massima e, soprattutto, sulla presenza o meno di un limitatore di velocità automatico, che impedisca al monopattino di superare i 25 km/h consentiti.

Tipologia delle ruote

Le ruote dei monopattini elettrici possono essere di dimensioni ridotte o più larghe. Le prime si adattano soprattutto ai monopattini leggeri, che hanno nella portabilità il loro punto di forza. Le ruote fini non sono però adatte a tutti i tipi di asfalto, dal momento che con questa tipologia di ruote si rischia maggiormente su strade dissestate (quindi con tanti fossi) dove è richiesta una maggiore aderenza.

Peso sopportabile

L’ultimo elemento da considerare quando si sta effettuando la scelta di un monopattino elettrico è il peso supportato dal mezzo. I modelli che presentano una capacità massima di peso fino a 70 kg sono adatti ai bambini e ai ragazzi più piccoli. Se l’acquisto è invece riservato a una persona adulta, è d’obbligo puntare sui modelli capaci di trasportare un peso fino a 110 kg. In commercio esistono anche monopattini in grado di sopportare fino a 150 kg. Quest’ultimi modelli appartengono alla fascia più alta, con il costo che sale in maniera importante rispetto ai prodotti di fascia media.

monopattini elettrici

Cosa dice la legge italiana sui monopattini elettrici

La nuova legge italiana sui monopattini elettrici porta con sé numerosi cambiamenti circa il loro utilizzo in città. Se prima, infatti, le multe comminate alle persone che li usavano diventavano oggetto di dibattito in rete e in televisione, oggi il regolamento non lascia spazio a molti dubbi. In primis, la legge stabilisce che i monopattini elettrici possano essere utilizzati soltanto sulle strade urbane e nelle aree pedonali, con una velocità massima consentita pari rispettivamente a 25 km/h e 6 km/h.

L’unica eccezione prevista è costituita dalle strade extraurbane con una pista ciclabile. Per quanto riguarda il motore, è tollerata una potenza limite fino a 500 Watt. Inoltre, viene chiarito come possano circolare soltanto i mezzi dotati di luci sia davanti che dietro. Non sono invece richiesti né il possesso della patente né dell’assicurazione, essendo i monopattini elettrici equiparati alle comuni biciclette, mentre il casco è obbligatorio soltanto fino al compimento dei 18 anni.

Bonus per l’acquisto dei monopattini elettrici

Fino al 31 dicembre 2020 sarà valido il bonus fino a un massimo di 500 euro per l’acquisto di un monopattino elettrico. Il bonus può essere impiegato per comprare un solo prodotto, come è specificato nel Decreto Rilancio alla voce Bonus Mobilità. In totale viene coperto il 60 per cento del prezzo complessivo speso per l’ordine online o l’acquisto in un esercizio fisico. Non tutti possono però accedervi, dal momento che sono previsti i seguenti paletti:

– avere la residenza in un Comune capoluogo di Regione
– avere la residenza in un Comune capoluogo di Provincia
– avere la residenza in una città metropolitana (Reggio Calabria, Bari, Napoli, Roma, Firenze, Bologna, Genova, Torino, Milano, Venezia)
– avere la residenza in un Comune con una popolazione superiore ai 50 mila abitanti

Oltre a rispettare i paletti elencati qui sopra, per beneficiare del bonus è obbligatorio farsi rilasciare la fattura, per poi richiedere l’agevolazione autenticandosi con le credenziali SPID al sito del ministero italiano dell’Ambiente, dove è stata rilasciata un’applicazione web apposita per la riscossione del bonus da parte dell’utente.

I migliori monopattini elettrici

In quest’ultima parte presentiamo una lista dei 5 migliori monopattini elettrici suddivisi per fasce di prezzo: Urbetter Kugoo S1 Pro, Ninebot ES2, Xiaomi M365 Pro, Xiaomi M365, Ninebot Max G30.

Kugoo S1 Pro

Nella fascia economica, il miglior monopattino elettrico è il Kugoo S1 Pro di Urbetter. Tra i suoi punti di forza si segnalano la portabilità (pesa soltanto 11 kg) e il design. Tra i contro invece la durata della batteria, che consente di percorrere a malapena 20 km.

Ninebot ES2

Insieme allo Xiaomi M365 Pro, il Ninebot ES2 è la soluzione ideale per chi è alla ricerca di un modello dall’elevato rapporto qualità prezzo. Bene sia la portabilità (pesa 12,5 kg) che l’autonomia (oltre 25 km, che possono raddoppiare aggiungendo una seconda batteria).

Xiaomi M365 Pro

Da molti lo Xiaomi M365 Pro viene considerato il miglior monopattino elettrico in assoluto. I numeri sono tutti dalla sua parte: autonomia da 45 km/h, motore da 300 Watt e un ottimo sistema frenante costituito da freno a disco e freno rigenerativo.

Xiaomi M365

Restando nella fascia media di prezzo, si segnala lo Xiaomi M365 il fratello più piccolo dell’M365 Pro. Meno autonomia (30 km), ma anche più portabilità, pesando soli 12 km. Inoltre costa anche 100 euro in meno.

Ninebot Max G30

La fascia alta dei monopattini elettrici è dominata dal modello Max G30 dell’azienda Ninebot. Un’autonomia al top (65 km), motore da 350 Watt e pneumatici da 10 pollici per affrontare anche i terreni più difficili. L’unico punto debole è la scarsa portabilità, per via dei suoi 19 kg.

Potrebbe interessarti anche: APPROVATO IL BONUS BICICLETTE: COPRE IL 60% DEL VALORE DELL’ACQUISTO, ECCO A CHI SPETTA