La comunicazione integrata: l’esperienza di Live Social Radio

225

Ogni giorno ore e ore a navigare, da tablet, da smartphone, da pc, da portatile. Gli italiani navigano sempre di più in internet e sono iper connessi ai social network. E’ un vero e proprio boom di internet che sta mettendo a dura prova la stessa tenuta infrastrutturale della rete. Ciò dimostra indirettamente come l’importanza di una comunicazione integrata è stata compresa da tutti: istituzioni, persone, imprese. Davvero tutti ritengono che internet sia un mezzo di comunicazione alla pari di radio, tv, carta stampata. Questo concetto è stato applicato già anni addietro da progetti pionieristici come Live Social Radio, un programma in onda non solo in radio ma anche sui social e di cui sono resi disponibili anche i contenuti video e quelli testuali. “Essere presente su questi strumenti è necessario per promuovere la tua attività” spiegano i redattori del format sul portale radiolivesocial.it. “Benché l’offerta sia variegata, bisogna tenere presente che ogni social ha il suo pubblico, le sue peculiarità, il suo linguaggio. Scegliere i social network sui quali posizionarsi con la propria azienda richiede un’attenta analisi dei propri obiettivi, dopo di che, la risposta più adatta alle tue esigenze devi trovarla tu”. Questo il suggerimento. Certamente Facebook è la piattaforma social più utilizzata soprattutto per comunicazioni di carattere informale. Qui in effetti anche le aziende usano spesso toni confidenziali. Facebook consente di creare delle Pagine. Ciascuna può essere personalizzata inserendo il proprio logo, una copertina, i collegamenti al proprio sito web e agli altri social. Si può integrare le vendite al proprio negozio con una vetrina, personalizzare i pulsanti delle call to action per lanciare la propria app di shopping, aiutare le persone a prenotare un servizio. Inoltre è possibile instaurare un dialogo su messenger o attivare il GPS affinché fornisca indicazioni stradali per raggiungere il punto vendita. Un’altra piattaforma in crescita esponenziale è Instagram. Il suo focus sono le immagini. Esso è sfruttato particolarmente dai settori cibo, moda, viaggi, arte. Ma ormai un po’ tutti operano anche su questo social network. Altro canale, indubbiamente meno popolare, è Linkedin. E’ un social B2B, strumento strategico per creare e gestire un network professionale. Un’azienda, con un’adeguata strategia di social media marketing, può presentarsi su LinkedIn con obiettivi di diverso genere dal branding al recruiting passando dal digital reputation. Ultimo ma non per importanza YouTube, la più performante piattaforma di videoshare. Dal 2005 ha registrato una crescita esponenziale. E’ importante produrre contenuti video originali e virali per avere successo su questo canale. Stesso discorso che vale anche per gli altri social media. Ci vogliono quindi tanto impegno e passione per curare al meglio la propria comunicazione integrata.