La Dea entra nella nobilità del calcio europeo: Atalanta ai quarti

154

Sogna Bergamo, sogna l’Italia. Il calcio della Dea conquista l’Europa. L’Atalanta elimina il Valencia dalla Champions League e scrive il suo nome nella nobiltà del calcio europeo. Ilicic si erge a gigante ma è tutta la squadra di Gasperini ad essere una meravigliosa macchina di gioco. In uno stadio Mestalla chiuso, l’Atalanta viene presa si affida ad Ilicic. Lo sloveno si guadagna e trasforma due rigori nel primo tempo, poi travolge il Valencia con altre due splendide reti di sinistro. L’Atalanta arriva tra le otto grandi d’Europa. Sette gol e con un 4-3 per i bergamaschi che resterà scritto nella storia. L’Atalanta viene associata all’Olanda del calcio totale. Certo è che ora può continuare il cammino in Champions e (scongiuri a parte) punta ad arrivare in fondo. La squadra regala spettacolo ma concede spazio anche agli avversari (doppio pareggio di Gameiro, il sorpasso di Torres) ma lotta e può davvero continuare a regalare sogni che diventano realtà.