In anteprima “Rivoluzione contemporanea”, il nuovo video di Papaedge

347

In anteprima su La Prima Pagina “Rivoluzione Contemporanea”, il nuovo video di Papaedge diretto da Francois Gnisci che ritrae l’artista in veste di cliente in uno strano barber shop. L’intera sequenza di immagini vuole essere una metafora per spiegare l’impossibilità di sfuggire a ciò che ci impone la società, pena l’esclusione. Il brano sarà in rotazione radiofonica da questo venerdì, 6 marzo.   Papaedge è il tuo nome d’arte. Ci viene spontaneo chiederti come sia nato e cosa significhi. Papaedge è un ossimoro. Una crasi se vogliamo, è l’unione di Papa e Edge. Mi venne affibbiato a 17 anni da un amico storico in occasione di un concorso di chitarre che ebbi la fortuna di vincere portando un brano composto da The Edge, chitarrista degli U2. Differentemente da tutti gli altri musicisti in concorso, detti rilievo alla composizione e all’arrangiamento più che al virtuosismo. Vinsi e da allora il mio alter-ego è Papaedge.. O sono io il suo. Nel videoclip qui in anteprima appari in veste di un cliente in uno strano barber shop. Com’è nata l’idea e quanto ti sei divertito durante le riprese? L’idea è di Francoise Gnisci, un creativo della mia “Crew”. A Francoise ho spiegato che cosa avrei voluto comunicare come sottotesto…il protagonista, entrato in un barber shop per acquistare un banale servizio di rasatura, si trova, con l’avvicendarsi delle situazioni, a cedere dei pezzi di sé, acconsentendo di fatto a farsi fare qualsiasi cosa senza opporre resistenza. Alla fine è soddisfatto e contento e paga il prezzo del servizio. È un po’ quello che succede quando acquisti uno smartphone.. Oppure scarichi una nuova app, acconsenti a cedere delle tue informazioni personali pur di ricevere quel servizio. Da quel momento la merce sei tu. Mi sono divertito come un bambino a girare il video. L’unico momento di tensione è stato quando il “dottore pazzo” mi puntava il trapano sulla testa, trapano che per esigenze sceniche doveva, secondo la Crew, essere acceso realmente.. Attimi di puro terrore. “Rivoluzione contemporanea”, il brano che accompagna il video, è un invito a risvegliare le coscienze. Rivoluzione in che termini? È una rivoluzione dello spirito, della coscienza e dell’anima di ognuno di noi. Siamo alla svolta o accettiamo di costruire insieme un nuovo rinascimento. Un umanesimo 2.0. Decidendo che l’umanità sia al centro e non tollerando più che i popoli della terra siano sottomessi ai mercati rivalutando di fatto il valore della vita, oppure acconseniremo quindi saremo complici, della disfatta di tutto ciò che ci rende umani. Dopo questo tuo secondo singolo cosa ci possiamo aspettare? Dopo questa uscita inizierà un periodo di promozione con concerti, interviste e presentazioni varie le cui date verranno aggiornate sul sito ufficiale www.papaedge.it. Uscirà poi ad aprile un nuovo singolo e finalmente #SPACE2019. Rimanete in ascolto   https://youtu.be/xjUvBUW79wE   Dario Sponza, in arte Papaedge, è autore, musicista e produttore. Studia chitarra e si perfeziona con il maestro Cimma. Frequenta clinics tenuti dai più importanti chitarristi contemporanei, suona in molteplici band e collabora con molti artisti tenendo negli anni centinaia di live. Tra le molte presenze ed esperienze: suona al Palazzetto dello sport di Pesaro dividendo il palco con artisti importanti tra cui Facchinetti, Paolo Belli, Neri per Caso, suona allo Stadio Primo Nebiolo (Torino) proponendo un brano di cui è co-autore, scritto in occasione della Partita del Cuore e suona all’Auditorium Giovanni Agnelli in modalità stand alone proponendo arrangiamenti di colonne sonore da Oscar. Partecipa inoltre in qualità di musicista (accompagnando artisti per i quali cura la direzione artistica) a Sanremo Giovani e Sanremo Rock. Lo scorso ottobre 2019 ha pubblicato “Cristiano Ronaldo”. Il secondo inedito dal titolo “Rivoluzione contemporanea” uscirà in radio e sulle piattaforme digitali il prossimo 6 marzo.