La tregua

275

“ …. A quest’ora di notte là fuori dai vetri c’è un mare nero, si sente il suo respiro lento, e il lascito affievolito e spento di una umanità stordita nei sui stessi argini. E’ la tregua. A momenti si rialzerà il sipario su scene già vissute, si riaprono a nuovo le tregue violate…. “ Vincenzo Calafiore A quest’ora di notte, in questa mia sospensione negli argini della smania di vederti, nel desiderio di sentire il profumo, la pelle vellutata, ascoltare i tuoi occhi raccontarsi; penso alle mie parole che lasciandomi si sono inoltrate in un cammino impervio tra guerre e decadenze, scenari che indossano paure e timori per lo “ sconosciuto, l’ignoto “ che s’appresta al nuovo giorno. Per fortuna lì da qualche parte ci sei tu, la mia tregua. L’amarti o il poterti amare è come un racconto che mi ha preso subito il cuore e allora leggendoti ho cominciato a comprendere tutto oltre le parole e le frasi, ogni difficoltà di significato, o di una parola o di un’espressione del tuo viso, non è mai divenuta per me difficoltà in quanto tutto di te era davanti ai miei occhi nitide e chiare, da dietro i vetri, da cui nella notte ti guardavo, ti pensavo, ti immaginavo. Ciò mi succede ogni notte, come ogni notte spero in una tregua, è così affascinante, così forte quel sentimento mio che non mi lascia speranza di tregua. Penso che l’amore oltre ad essere una bellissima fiaba sia un dono e non si può vivere e scrivere, raccontare, inventare parole nuove per continuarla a scrivere senza la grande capacità di amare e di dare amore, mi piacerebbe che tu almeno una volta leggessi una fiaba, una mia fiaba. Mi piacerebbe spiegarti che io non sono uno scrittore, che a volte neanche io riesco a trovare le giuste parole per poterti dire che t’amo o di amarti. Come spiegarti che io sono sempre vissuto su un pezzo di legno in balia delle mie tempeste, ma anche d’essermi perso nelle tregue delle strade e delle piazze; le tregue nelle galere antiche, dove ho incontrato migliaia e migliaia di naufraghi o naufragati come me, como yo! E ho appreso storie meravigliose che mi porto ancora adesso dentro, storie che ho cominciato a raccontarti nei miei lunghi periodi di isolamento totale nel corso di questa mia detenzione, durante mi detenciòn! Ho voluto scriverle perché era un modo mio per essere ancora insieme a te, per rimanere con te, da conosciuto o da sconosciuto. Lo scriverle per me era e lo è ancora adesso, un modo di lottare a mantenere la tregua e sconfiggere l’isolamento a cui questo tempo porta, è un modo per raggiungerti e ricongiungermi con te che sei in me. Amore mio, io sono uno di quei prigionieri che vagano di notte nelle galere, le mie galere dove posso tornare a nascondermi; come fossi un prigioniero che non accetta nessuna prigione, e per questo sta in prigione in questo mondo rovesciato. Pensa quanto sia bello per me Amarti o poterti ancora amare dentro le distanze che mi uccidono lentamente, in cui sembra che la mia bramosia e desiderio richiamino punto per punto il mio volerti, il mio tenerti, il mio cercarti. E mi pare anche più profonda la mia cognizione del dolore di una fiaba scritta a metà. Fiaba che ho raccontato per anni prima di poterle scrivere, modificandole e rimodificandole a secondo il mare in cui a volte annego … le fiabe che più o meno tutte insieme hanno la gioia e la felicità comune ad esse ha prevalso sempre quel mio volerti amare così come sei, con quel tuo entrare e uscire dalle mie notti. Che al sorgere del sole sembrano disciogliersi fino a diventare: tregua fino alla prossima notte. Da qualche tempo non riesco più a scrivere, il mio cuore si è fermato su l’ultima – nuvola – Non puoi immaginare come e quanto tu possa mancarmi, a un certo punto mi sono mancate le parole, mi sono mancati i tuoi colori, i tuoi profumi, sfumate le tue immagini… che vita è se non riesco a trovare tutto ciò appena la luce si allunga per dipanare la notte? Per questo mi è così difficile … por eso es tan dificil para mi a volte rimanere qui! Lì fuori,in quel buio pesto, da qualche parte c’è lo iurivodivo, il folle dio, quel folle e misterioso desiderio di amarti che misteriosamente è più vicino a Dio di tutti gli altri, di tutti gli altri desideri, all’estremo opposto ci sono quelli che si stanno perdendo o si sono già perduti o che potrebbero perdersi assieme a me, a quel mio amarti ! A mi amarte! Por esto te amo … per questo ti amo.