Post Brexit: Scozia indipendente e Irlanda unita

La Brexit apre diverse questioni anche interne. Il caso scozzese rischia di diventare una Catalogna bis. In Scozia ha vinto il partito nazionalista guidato dalla premier Nicola Sturgeon. Lo Scottish National Party ha guadagnato ben 13 seggi, arrivando a controllarne 48 su 59. La Scozia è diventata una Nazione mono partito, con una mappa elettorale diversa da quella dell’Inghilterra, dominata dai conservatori.

Nicola Sturgeon ha confermato di volere andare ad un nuovo referendum sull’indipendenza. Quello del 2014 aveva visto la sconfitta dei secessionisti 55 a 45. Due anni dopo, al referendum sull’Europa, la Scozia aveva votato a maggioranza contro la Brexit. Con Boris Johnson premier e l’uscita dalla Ue, Edimburgo chiede di separarsi da Londra.

Ma il leader dei conservatori inglesi non ha intenzione di concedere il voto sull’indipendenza, che deve essere autorizzato da Westminster. Se nel 2021 i nazionalisti trionferanno anche alle elezioni locali, la pressione per rimettere la questione al popolo si farà forte. Il rischio è quello di uno scenario catalano con Edimburgo che decide di organizzare un referendum illegale, andando allo scontro frontale con Londra.

Gli scozzesi vogliono staccarsi dall’Inghilterra perché non condividono la Brexit, ma una volta da soli non resterebbero in Europa. Dovrebbero fare domanda di ammissione a Bruxelles. Sarebbe un processo lungo e complicato ma la strada è percorribile. Potrebbero chiedere di adottare l’euro o dovrebbero chiedere a Londra di lasciar loro usare la sterlina.

Anche in Irlanda del Nord c’è stato uno scossone elettorale. Sono andati male gli unionisti protestanti, mentre i nazionalisti cattolici del Sinn Fein hanno ottenuto un buon successo. Il leader del gruppo parlamentare unionista a Westminster ha perso il suo seggio e per la prima volta i protestanti sono in minoranza. Un passo avanti verso la riunificazione dell’Irlanda, già tornata all’ordine del giorno dopo che Johnson ha accettato di lasciare l’Ulster nell’orbita europea.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin