Torino di Sangro. Domenico Giannicchi uccide la moglie Luisa Ciarelli

251

Torino di Sangro è sotto choc per il barbaro femminicidio che si è consumato in un’area di campagna. Il delitto è avvenuto al culmine di un litigio. La donna ha cercato di fuggire, ma lui l’ha inseguita e uccisa. Torino di Sangro, in provincia di Chieti, è stato teatro di un vero e proprio atto barbaro. In base ad una prima ricostruzione Domenico Giannicchi, 67 anni, era in auto con la moglie Luisa Ciarelli, 65 anni e stavano litigando. L’auto era ferma sulla strada di campagna che dalla loro casa porta al paese poco distante. Luisa è scesa per fuggire, ma Domenico l’ha rincorsa e colpita più volte con una grossa pietra o un bastone, fino a lasciarla esanime tra gli alberi. Poi l’omicida ha chiamato il 118, dicendo di avere colpito la moglie. Quando i Carabinieri sono arrivati l’uomo ha raccontato quanto era successo, poi è stato portato in caserma dove è in stato di fermo. Secondo il comandante della compagnia di Ortona, Roberto Ragucci, la vicenda non è ancora del tutto chiara. Sul posto dove la donna è stata uccisa è arrivato anche il sindaco di Torino di Sangro, Nino Di Fonso, che si è dichiarato sgomento.