Scavi abusivi nelle zone archeologiche di Crotone: operazione Achei 23 misure cautelari

371

Una maxi razzia di reperti archeologici. Violate aree protette della Calabria. Operavano usando ruspe e mezzi meccanici. I componenti della banda per anni hanno trafugato materiale di valore inestimabile per svariati milioni di euro. Questi reperti poi finivano all’estero. In 23 sono stati arrestati dai Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale della Calabria, con il coordinamento di Europol ed Eurojust. Oltre alle misure cautelari, sono state eseguite 80 perquisizioni su tutto il territorio nazionale, Gran Bretagna, Francia, Germania e Serbia. Gli arrestati dovranno rispondere di associazione a delinquere finalizzata al traffico di reperti archeologici, danneggiamento del patrimonio artistico, ricettazione. L’operazione “Achei” è iniziata nel 2017 con l’arrivo di un esposto anonimo che segnalava scavi abusivi nelle zone archeologiche di Cirò, Capo Colonna e Castiglione di Paludi, tutti in Calabria. Attraverso l’utilizzo di sofisticate apparecchiature e di droni, i Carabinieri guidati dal capitano Bartolo Gaglietti hanno seguito le fasi del trafugamento da parte dei tombaroli che per portare alla luce i reperti hanno vandalizzato intere aree protette. Il materiale rubato veniva poi portato all’estero nascosto in camion o auto e lì venduto al mercato nero. La mente della banda sarebbe un medico in pensione residente in provincia di Perugia. Tra gli arrestati anche persone di nazionalità estera. Ecco i nomi delle 23 persone coinvolte nell’operazione Achei coordinata dalla procura di Crotone e condotta dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, al Comando del Capitano Bartolo Taglietti. In carcere sono finiti: Giorgio Salvatore Pucci, 58 anni di Cirò Marina (Kr), Alessandro Giovinazzi, 30 anni di Scandale (Kr). Agli arresti domiciliari vanno altri 21 soggetti: Antonio Camardo, 56 anni di Pisticci, Raffaele Gualtieri, 56 anni di Isola Capo Rizzuto (Kr), Santo Perri, 58 anni di Sersale (Cz), Alfiero Angelucci 70 anni di Trevi (Pg), Enrico Cocchi, di Castano Primo (Mi), Francesco Comito, 30 anni di Rocca di Neto (Kr), Giuseppe Caputo, 42 anni di Dugenta (Bn), Sebastiano Castagnino, 47 anni di Petilia Policastro (Kr), Simone Esposito, 35 anni di Rocca di Neto (Kr), Giuseppe Gallo, 68 anni di Strongoli (Kr), Domenico Guareri, 65 anni di Isola Capo Rizzuto (Kr), Vittorio Kuckiewicz, 72 anni di Fermo (Fm), Franco Lanzi, 67 anni di Norcia (Pg), Leonardo Lecce, 70 anni di Crotone, Raffaele Malena, 72 anni di Cirò Marina, Marco Godano Otranto, 26 anni di Crotone, Renato Peroni, 48 anni di Magnago (Mi), Vincenzo Petrocca, 55 anni di Isola Capo Rizzuto, Aldo Picozzi, 67 anni di Castano Primo (Mi), Domenico Riolo, 37 anni di Scandale (Kr), Dino Sprovieri, 53 anni di Cirò Marina (Kr).