Cristiano e così sia di Luciana Pietraccini

Cristiano e così sia di Luciana Pietraccini è un romanzo famigliare che racconta la vita di una famiglia dal 1937 fino ai primi anni duemila, focalizzandosi soprattutto sulla figura del protagonista Cristiano. Una vicenda che parte dalla nascita della storia d’amore tra Carlo e Bruna, segnata dalla guerra e dal fallimento dei progetti di vita dei due giovani, passando per la nascita del loro amato figlio Cristiano, fino alla maturità di quest’ultimo, segnata da scatti d’ira e continue perdite. Una storia di incomprensioni, solitudine e sogni infranti, che racconta l’amarezza che spesso accompagna l’esistenza, e che mostra senza filtri le luci e le ombre dell’essere umano. Tutti i personaggi dell’opera, da Carlo a Bruna, da Cristiano a Paola, passando per Sonia e Vanessa, sono tratteggiati con accuratezza, andando ad indagare in profondità nel loro cuore e nelle loro motivazioni. Personaggi a tutto tondo che mostrano la bellezza della natura umana ma anche la sua meschinità, la sua rabbia e la frustrazione che spinge ad atti di cattiveria e codardia. Bruna è l’esempio lampante della volontà dell’autrice di mostrare un personaggio che si evolve nel tempo in base alle situazioni che le accadono, che si incattivisce negli anni per non aver avuto ciò che le spettava. Bruna, insieme a Carlo, è una vittima della guerra e delle sue privazioni; messi da parte i suoi sogni di gloria si dedica anima e corpo a suo figlio Cristiano, caricando su di lui un peso troppo gravoso da portare. E Cristiano, da vero protagonista di questa storia corale, è indagato ancora più in profondità, e ne viene mostrato l’arco vitale dall’infanzia fino alla maturità. Una storia di vita che presenta un uomo orgoglioso, cresciuto dalla madre “duro, forte e vincente” ma che invece è estremamente fragile e insicuro.

Un uomo che si rifugia nell’alcool, che diviene prevaricante con le donne da lui amate, che non sa comunicare se non con urla e prepotenza. Un uomo che arriva a toccare il fondo, prima di rendersi conto di aver sbagliato tutto. In Cristiano e così sia si parla con realismo e crudezza dei danni irreparabili di un’educazione sbagliata, come accade a Bruna con i suoi figli, e come succederà a Cristiano con i suoi, replicando un modello malato appreso durante l’infanzia. Alla fine, dopo tanto dolore, la filosofia del “così sia” diventa per Cristiano la spinta a non rimanere passivo e a cercare anzi di migliorare la propria posizione: quando il karma alla fine lo colpisce duramente nell’affetto più caro, egli trova il coraggio mai avuto di rialzarsi, e comprende che “quella che credeva una fortezza inespugnabile era stato solo un ridicolo castello di carte”. E a questo punto non si può far altro che ricominciare.

Luciana Pietraccini, madre fiamminga e padre italiano, nasce in Italia dove vive e lavora. Inizia a lavorare nell’editoria occupandosi di moda e giornali femminili. Diventa presto giornalista pubblicista e direttrice di alcune riviste specializzate. Successivamente si dedica all’editing per alcune case editrici, realizzando riviste di cucina, maglia, ricamo e scrivendo racconti per i giornali interessati. Nel 2019 pubblica per il Gruppo Albatros Il Filo “Cristiano e così sia”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin