Più sicuri in casa con le telecamere spia

Vi sarà capitato sicuramente di sentire dei casi di anziani picchiati in case di riposo o dei bambini strattonati e apostrofati in mille modi negli asili. Situazioni del genere richiedono una vigilanza maggiore e sono stati scoperti proprio grazie all’uso di telecamere, poste in maniera da non poter essere individuate.

La sicurezza è una priorità, fuori casa come all’interno della propria abitazione, per cui questi sistemi di sorveglianza possono far stare più tranquilli coloro che non riescono a essere sempre presenti. Se avete la necessità di verificare come si comporta la babysitter con vostro figlio o controllare che nessuno tenti di derubarvi, la telecamera è la scelta giusta.

Optare per quelle spia, ovvero quelle nascoste, garantisce di non far trapelare la loro presenza e quindi di far agire indisturbati coloro che hanno cattive intenzioni.

Dove collocarle

Grazie alle loro dimensioni molto ridotte, le telecamere spia possono essere poste ovunque all’interno del vostro appartamento, senza che risultino percettibili. Potrete quindi posizionarle su di un libro, in una statua, dietro a un quadro, avendo l’accortezza di lasciare lo spazio giusto, in modo che la lente registri quanto accade.

Alcune possono essere addirittura indossate o sono incorporate in degli oggetti (ne parliamo più in basso), in modo da mimetizzarsi in maniera ancora migliore. In sostanza, permettono di assentarsi da casa, con la certezza che tutto sarà sempre sotto controllo.

I modelli più strani

I prodotti che potete trovare sul mercato sono davvero tanti e originali: pensiamo alla microcamera nascosta all’interno di una penna oppure alla lampadina LED con tanto di sistema di videosorveglianza a 360 gradi. Questo oggetto, infatti, permette di visualizzare tutto ciò che accade collegandosi direttamente con lo smartphone tramite un’app.

Il bello è che nessuno si accorgerà di questo sistema, visto che la lampadina funziona veramente e che può illuminare anche per 24 ore di continuo, favorendo il lavoro della telecamera. Che dire poi di quella nascosta all’interno di una bottiglia d’acqua?

Questa soluzione è quella giusta se si ha bisogno di controllare un’area specifica, magari quella in cui la babysitter tiene d’occhio il vostro bambino. Non mancano, tra le migliori telecamere spia per casa, anche quelle mimetizzate nelle cornici dei quadri.

Si collocano proprio come fareste per un oggetto di arredamento, ma hanno il vantaggio di attivarsi tutte le volte che rilevano il movimento, registrando solo quando è necessario. Alcuni modelli sono anche pensati per essere ben integrati nello stile di casa, così da confondersi meglio e da non essere individuati perché, magari appaiono troppo dozzinali.

Anche le sveglie possono avere una telecamera spia nascosta: funzionano proprio come un normale orologio da comodino, ma contengono anche una macchina fotografica che scatta vari frame e possono essere monitorati tramite delle applicazioni da installare su un dispositivo come lo smartphone o il computer.

Infine esistono gli appendiabiti, quelli per intenderci da porre all’ingresso di casa, che permettono di registrare tutti i movimenti e che si auto disattivano quando non ci sono rumori, in modo da risparmiare batteria e spazio in memoria.

La qualità delle immagini

Un aspetto da considerare, quando volete acquistare una telecamera spia, è la definizione delle immagini, in quanto chi viene filmato deve essere ben riconoscibile. Considerate se ne avete bisogno solo per riprendere durante il giorno o anche in assenza di luce: in questo caso verificate che, nelle specifiche, ci siano tali indicazioni.

Se non è così o se l’opinione degli altri utenti non è concorde, prediligete un modello a infrarossi, in grado di registrare immagini chiare anche quando è totalmente buio. Lo spazio a disposizione all’interno della telecamera è poi fondamentale: deve essere presente uno slot per SD o micro SD, in modo da ampliare la memoria, per non dover cancellare immagini importanti.

Valutate anche la durata delle riprese, che deve essere sufficiente a coprire il lasso di tempo da voi richiesto: altrimenti non avreste la copertura desiderata e non sarebbe possibile verificare che tutto ciò che non vi torna è in realtà tranquillo.

Per quanto concerne la spesa, si parte da una minima, in base alle caratteristiche della microcamera spia, e si va a salire a seconda del modello scelto: naturalmente, quelle nascoste all’interno di oggetti hanno un costo più importante, perché includono anche il dispositivo che le mimetizza.

Nulla, però di troppo proibitivo: si superano di poco i 100 euro, una cifra che vale la pena spendere per stare tranquilli e garantire la serenità di tutta la famiglia.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin