Corriere adr: come funziona il trasporto merci pericolose

446

Spesso viaggiando in autostrada si incontrano mezzi su cui compare la dicitura trasporto merci pericolose. Capita nel tram tram quotidiano di non farci troppo caso. Ma di cosa si tratta e chi svolge questo compito piuttosto importante e delicato? Il trasporto avviene tramite un corriere adr. Si tratta di un operatore specializzato che, nel settore della logistica e dei trasporti, prende in carico la gestione di speciali categorie merceologiche che vengono classificate come merce pericolosa. Non tutti possono effettuare i trasporti di merci pericolose. Chi opera nel settore, infatti, deve rispondere a determinate caratteristiche ed ottenere specifiche certificazioni. Tra le aziende autorizzate rientra ACB Group che garantisce questo servizio grazie alla partnership sottoscritta con Ortelli Srl, azienda di autotrasporti specializzata nel servizio di corriere ADR di materiale chimico e infiammabile, non esplosivo.

Come effettuare un trasporto merci pericolose in tutta sicurezza

Migliaia di pacchi viaggiano giornalmente, in maggioranza contengono merce innocua. Altri prodotti hanno bisogno di mezzi e preparazioni specifiche come alimenti e medicinali, che viaggiano in mezzi a temperatura controllata. Ci sono anche altre categorie merceologiche considerate pericolose. Per questo tipo di merce c’è un settore dedicato, tanto nella produzione quanto nella logistica e nel trasporto. A.d.r. trasporti significa European Agreement concerning the International Carriage of Dangerous Goods by Road ovvero Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose. L’accordo siglato dall’Unione Europea risale al 1957. L’accordo ADR è stato aggiornato nel 2015 con nuove norme antiterroristiche, che comprendono l’obbligatorietà di sistemi di sorveglianza e di antifurto. Il corriere adr possiede speciali certificazioni. Solo così è abilitato al trasporto delle merci pericolose. Lo spedizioniere se non possiede le certificazioni e mezzi adeguati non può effettuare un trasporto adr. La responsabilità del trasporto compete all’azienda trasportatrice che deve assicurarsi della corretta dichiarazione della merce. In più ha l’obbligo di verifica della correttezza di imballo e di etichettatura, nonché della presenza della documentazione necessaria per affrontare il viaggio verso la destinazione indicata. Il corriere adr deve sottoporsi a continui corsi di aggiornamento. Questi permettono di rimanere al passo con le novità in materia e offrire così un servizio migliore.

Affidarsi ad uno spedizioniere esperto in materia

Chi opera in questo settore ha notevoli responsabilità. Prima di consegnare la merce deve assicurarsi che il trasporto venga effettuato in maniera corretta. Ad esempio l’imballo deve avere superato dei testi di collaudo e presentare un simbolo di identificazione. Le etichette esposte seguono regolamentazioni speciali. Mediante una classificazione di simboli si definisce la tipologia di merce pericolosa con cui si ha a che fare e si ha modo di sapere quali sono le precauzioni da adottare. Una volta che il carico è arrivato a destinazione, il destinatario provvederà a rimuovere tutte le etichette e provvederà al corretto stoccaggio della merce ricevuta dal corriere adr. Qualsiasi anomalia causa in automatico l’impossibilità di procedere con la spedizione. La normativa ADR attiene il trasporto su gomma. Ma ci sono anche altri mezzi di trasporto, che possono consentire un viaggio più breve soprattutto per le spedizioni intercontinentali come nave e aereo. Per avere a che fare con le merci pericolose è in ogni caso importante affidarsi ad aziende certificate e con esperienza come ACB Group.