Roma. Turismo: contributo soggiorno finanzierà promozione della città

L’Assemblea Capitolina ha approvato la mozione n. 193 del 2019, con cui si stabilisce che il contributo di soggiorno vada per intero a finanziare attività di promozione cittadina. Ne parla l’assessore Carlo Cafarotti (Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro) che esordisce ringraziando “la presidente (della commissione competente, n.d.r.) Carola Penna e l’Assemblea Capitolina per aver approvato ieri sera una mozione perfettamente in linea con il percorso di sviluppo di uno degli asset strategici per Roma”.

“Se vogliamo consolidare il posizionamento della Capitale tra le regine del turismo a livello internazionale”, prosegue Cafarotti, “è necessario che gli investimenti per i servizi, per l’accoglienza e la valorizzazione del brand Roma siano incrementati. Pertanto, destinare l’intero ammontare del contributo di soggiorno esclusivamente alle attività di promozione turistica della città è la soluzione più logica e funzionale all’obiettivo.

Per di più, considerato il ruolo sempre più preminente delle piattaforme di prenotazione online con le quali l’Amministrazione sta stipulando nuove convenzioni, avremo a disposizione maggiori introiti da investire nel settore e da impiegare per rendere più accessibili spazi turistici come ville, parchi, musei e siti archeologici, a beneficio di tutte le persone. Il dispositivo approvato soddisfa così due esigenze: incrementare i controlli per contrastare l’evasione del contributo di soggiorno nel segno della legalità e trasparenza; recuperare risorse per migliorare la qualità dell’offerta turistica sul piano commerciale, alberghiero e dell’arredo urbano”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin