Bolzano. Casa: dalla Provincia contributi per danni causati da eventi naturali

Grazie al Fondo per le catastrofi naturali in caso di danni causati alle prime case da eventi naturali, come alluvioni o frane, la Provincia è in grado di erogare in tempi molto stretti un finanziamento che consente alle persone colpite di intervenire in maniera adeguata. Nel 2018 l’ente pubblico è intervenuto utilizzando questo apposito Fondo in occasione della tempesta Vaia e delle forti precipitazioni che, in particolare nell’Alta Val Pusteria, nel Comune di San Candido, hanno causato notevoli danni ad alcune case d’abitazione, a cantine e garage della zona.

L’intervento del Fondo è previsto sia in caso di danni ad immobili che a beni mobili, come gli arredi, e per misure per la messa in sicurezza geotermica degli edifici rese necessarie dai danni causati da un evento naturale. Le domande di contributo per devono essere effettuate entro 90 giorni dall’evento nel caso di danni a mobili ed arredi, ed entro 180 giorni per quanto riguarda i danni ad immobili e per misure per la messa in sicurezza geotermica. Il contributo può giungere sino al 70% dei danni nel caso degli immobili ed al 50% per i mobili.

Nel 2018 erogati 766.000 euro

Nel corso del 2018 sono state presentate 42 domande di contributo e sono stati erogati dalla Ripartizione edilizia abitativa della Provincia complessivamente 766.000 euro per il finanziamento dei danni, rispettivamente 330.000 per danni ad immobili e mobili e 436.000 per misure per la messa in sicurezza geotermica. Per quanto riguarda i danni causati dalla tempesta Vaia nell’ottobre scorso, sulla base del decreto statale del novembre 2018, sono stati stanziati ulteriori 180.000 euro che sono stati versati nel bilancio provinciale. Questo importo può essere utilizzato per il pagamento dei contributi. Tutte le necessarie informazioni ed i relativi moduli per la compilazione delle domande di contributo sono disponibili nel sito o presso la sede dell’Ufficio tecnico per l’edilizia abitativa agevolata.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin