La scienziata americana Suzanne Eaton trovata morta a Creta: indagine per omicidio

Giallo internazionale a Creta. Il corpo della scienziata americana Suzanne Eaton è stata trovato in un bunker della Seconda guerra mondiale sull’isola greca. La donna di 59 anni era scomparsa da più di una settimana. La morte sarebbe causata da soffocamento. E’ stata aperta un’indagine per omicidio.

Suzanne Eaton, 59 anni, biologa molecolare dell’autorevole Max Planck Institut in Germania, si trovava sull’isola greca per prendere parte ad una conferenza. A quanto riferisce la polizia di Chania, la donna sarebbe stata trovata su un terreno roccioso all’interno di un bunker abbandonato della Seconda guerra mondiale, a circa 10 chilometri da dove era stata vista l’ultima volta.

Scomparsa dal 2 luglio, era stata lanciata una vasta operazione di ricerca nella speranza di ritrovarla. Il corpo di Suzanne è stato trovato da due persone del luogo che stavano esplorando il bunker, un sistema di cunicoli creati dai nazisti durante l’occupazione di Creta.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin