5 consigli per vivere in una casa ecosostenibile

Gli italiani puntano con crescente interesse ad abitare in una casa ecosostenibile. Si tratta di una scelta doverosa per rispettare l’ambiente ma anche per risparmiare soldi e risorse. Ecco 5 consigli per vivere in una casa ecosostenibile.

In fase di costruzione o di ristrutturazione i proprietari degli immobili in Italia sono orientati ad investire su materiali ecosostenibili. C’è grande interesse soprattutto verso gli impianti solari. Il nostro Paese, infatti, è tra le Nazioni più attive su questo fronte insieme a Germania ed Australia. Chi vuole realizzare una casa ad impatto ridotto deve intervenire sulla struttura, sui serramenti, sugli infissi, sul cappotto, sugli impianti. Sono tutte azioni volte a migliorare la sostenibilità e abbassare l’impatto energetico. Ci sono anche piccoli interventi che hanno costi più contenuti ma incidono abbastanza sull’ambiente casa ad iniziare dall’individuare la compagnia elettrica più conveniente.

Il decluttering

Chi vive in modo essenziale fa minore sforzo. Deve fare minori pulizie e dispone così di maggiore tempo libero. Il decluttering è una soluzione valida per chi vive in modo ecologico. La liberazione da oggetti inutili fa stare meglio anche sul piano psichico. Il decluttering consiste nell’eliminare ciò che non serve. Aiuta a guadagnare spazio e tempo prezioso.

Riparare gli oggetti

Utilizzare elementi di recupero per realizzare nuovi mobili e accessori è un’attività ingegnosa e vantaggiosa per chi punta a vivere in una casa ecosostenibile. In questo modo non solo si diminuisce l’impatto delle scelte di arredo sull’ambiente, ma è anche un’azione che fa risparmiare economicamente.

Il riutilizzo creativo di oggetti non più usati fa parte dell’antica tradizione italiana. Oggi è stata riscoperta non solo al fine di risparmiare ma anche per far crescere il benessere individuale. Grazie alla creazione di oggetti nuovi si sprecano meno risorse e si partecipa all’ecosostenibilità.

La condivisione

Lo sharing non riguarda soltanto auto, moto, bici. Ma il concetto di condivisione vale anche tra le mura di casa. Il cohousing potrebbe sembrare troppo estremo. Tuttavia in Italia diversi condomini stanno organizzando la gestione collettiva di alcuni strumenti. Ad esempio il trapano, il wi-fi, l’asciugatrice.

La scelta di materiali intelligenti

Smog e inquinamento sono un problema con cui convivono milioni di italiani. I disagi non rimangono nell’ambiente esterno ma entrano in casa. Infatti l’aria che si respira negli ambienti chiusi può risultare fino a 5 volte più inquinata di quella esterna.

Puntare su prodotti e materiali per la casa informandosi bene sull’impatto ambientale che questi producono è una soluzione. In commercio esistono materiali intelligenti. Questi sono un’alternativa ecocompatibile sia sul fronte delle pitture sia dei materiali costruttivi.

La tecnologia aiuta la casa ecosostenibile

Una casa smart? E’ possibile grazie a dispositivi tecnologici intelligenti, progettati e programmati per comprendere qual è lo stile di vita di chi abita in casa e adattarsi quindi per limitare gli sprechi energetici e di beni di consumo. Ad esempio ci sono frigoriferi che avvisano quando gli alimenti stanno per scadere e dispositivi per depurare l’acqua e rendere quella del rubinetto più sicura. Basta poco per vivere in un ambiente ecosostenibile.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin