Grecia-Italia: c’è un Europeo da conquistare

152

Non sono ammessi passi falsi questa sera. L’Italia di Mancini deve staccare il pass per l’Europeo. Le qualificazioni per la manifestazione del 2020 entrano nel vivo. Ad Atene la Nazionale va a caccia dei tre punti contro una Grecia che pure è in crescita dopo un periodo di crisi. Si gioca alle ore 20.45. I greci hanno totalizzato quattro punti nelle prime due partite del girone di qualificazione per effetto del successo contro il Lichtstein e il pari in Bosnia. E’ in crescita la formazione ellenica, che sta dando segnali incoraggianti anche sul piano del gioco. L’ultima partita disputata, però, è stata quella di fine maggio con la Turchia, un’amichevole, finita male: 2-1 per gli avversari. Probabile il 3-5-2, con Siovas ad aggiungersi a Papastathopoulos e Manolas, più Mavrias e Koutris da terzini, Samaris e Zeca come cerniera centrale. Fortounis da trequartista, Masouras e Koulouris in avanti. Senza Donis la Grecia non fa più di tanto paura. Allo stadio sono attese 12 mila persone ma la capienza è di 70 mila. L’Italia del Mancio è roboante. Un 6-0 e un 2-0 nel nuovo anno, uno al Liechtenstein e uno alla Finlandia. Il 2019 dell’Italia è iniziato così. Roberto Mancini vuole proseguire con il suo ruolino positivo, che va avanti dal successo in Polonia dello scorso anno ed è andato avanti con la vittoria sugli Stati Uniti per 1-0 in amichevole. Primi nel girone, proprio davanti alla Grecia, gli azzurri sono i candidati principali a vincere il proprio gruppo di qualificazione e strappare un pass per Euro2020. L’ex Inter ha pochi dubbi. Sarà 4-3-3. E’ Fabio Quagliarella il probabile titolare per la sfida contro la Grecia. Fuori Lorenzo Insigne, dopo un ultimo periodo a Napoli non brillantissimo, dentro il centravanti della Sampdoria, tirato a lucido nonché capocannoniere della Serie A. Ci sono altri quattro centravanti, alla fine sarà Bernardeschi ad allargarsi sulla sinistra. In porta spazio a Sirigu, mentre in mediana dovrebbe spuntarla Barella accanto a Jorginho e Verratti.