Serrande: con le agevolazioni fiscali, sostituirle è davvero conveniente, i vantaggi

Avete mai pensato di sostituire le serrande? Per avere una casa perfetta, dobbiamo assolutamente controllare lo stato dei nostri serramenti, degli infissi e delle porte. Se abbiamo un box o un garage, o anche un negozio, sappiamo che la serranda è indispensabile per garantire l’apertura e la chiusura: è la sua principale funzione. Non dimentichiamo, tuttavia, che un’ottima serranda può proteggerci da eventuali effrazioni. Per questo motivo, abbiamo pensato che potesse tornarvi utile scoprire le agevolazioni fiscali sulle serrande.

Sostituire le serrande con le agevolazioni fiscali

Durante il 2018, a fine dicembre, è arrivata la conferma che la detrazione Irpef al 50% sarebbe stata prolungata anche per il 2019. Tutti i privati che intendevano, dunque, sostituire le porte, i portoni o le serrande avrebbero potuto beneficiare della detrazione, in modo tale da ricavare parte dei soldi investiti per l’abitazione.

Quali sono le porte che rientrano nella detrazione? Possiamo trovare, ad esempio, le tapparelle, le serrande avvolgibili, i portoni per garage o i portoni sezionali, le porte blindate, le basculanti, le scorrevoli. Nel complesso, dunque, riguarda tutto ciò che concerne la sicurezza della casa.

Se è arrivato il momento di sostituire la nostra serranda, possiamo valutare di farlo con la detrazione applicabile al 50%: quali sono i benefici? Perché è consigliabile installare una serranda sicura e che offre maggiore protezione? Analizzeremo i vantaggi e le caratteristiche di una buona serranda e vi parleremo di come richiedere le agevolazioni.

A cosa servono le agevolazioni fiscali? Benefici

Grazie alle agevolazioni fiscali, abbiamo sicuramente un aiuto importante da parte dell’Irpef. Pensate a quante operazioni e lavori possiamo fare in casa: aumentare i livelli di sicurezza, ridefinire la certificazione energetica, sistemare gli infissi e prevenire lo spreco dell’energia elettrica.

La serranda, in sé, è parte integrante della protezione della casa. Di solito, protegge i nostri box, il garage: all’interno possiamo tenere effetti personali, l’auto. Tenere al sicuro la famiglia e i nostri oggetti personali è nostro compito e diritto.

Non ci sono particolari passaggi burocratici che dovremo mettere in atto per ottenere l’Iva al 10% e la detrazione Irpef al 50%. Il primo passo, infatti, è ottenere l’Iva al 10%: dovreste inviare e compilare la richiesta di applicazione dell’Iva. Inoltre, per ottenere il recupero Irpef al 50% è indispensabile che il pagamento della serranda avvenga via bonifico.

Secondo quanto afferma la legge del 23 Dicembre 1999, la numero 488, possiamo ottenere l’Iva al 10% unicamente per l’installazione della chiusura di sicurezza per box e garage destinati ad uso residenziale e privato.

Basculanti e serrande: perché è un bene che siano perfette

Vi abbiamo accennato all’importanza di avere una buona basculante o una serranda in grado di proteggerci e di offrire un livello di sicurezza senza pari. In questo modo ridurrete il rischio di effrazioni e proteggere al meglio l’auto, gli effetti personali e il vostro studio, qualora aveste adibito il box o garage ad uso abitativo. Inoltre, preverrete sia gli sprechi di luce, sia la formazione di umidità: una serranda qualitativamente scarsa, infatti, permette alla temperatura esterna e agli agenti atmosferici di peggiorare lo stato del box.

Come possiamo cercare una ditta o un tecnico che si occupi delle installazioni? Oggi, grazie ai motori di ricerca, possiamo scegliere tra varie ditte, anche e soprattutto avendo la fortuna di accedere alle opinioni e alle recensioni dei clienti.

Per esempio, Basculantieserrande.it è una ditta che si occupa di tali interventi. Sui motori di ricerca, digitando le parole giuste e aggiungendo la vostra città, ne troverete centinaia. Fortunatamente, questo è un settore molto florido e i prezzi sono competitivi: scegliete la qualità e un intervento sicuro, per ottenere il massimo del rendimento.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin