Cagnano Varano. Giuseppe Papantuono ha ucciso il maresciallo Vincenzo Di Gennaro

Ucciso per strada a Cagnano Varano. Il maresciallo Vincenzo Di Gennaro, 46 anni, era originario di San Severo. Il militare è stato raggiunto sabato mattina da un colpo di arma da fuoco ed è deceduto. Un suo collega è rimasto ferito. I Carabinieri hanno fermato un pregiudicato di 64 anni, Giuseppe Papantuono, che era stato bloccato subito dopo la sparatoria.

Il sessantenne si era avvicinato all’auto di servizio sparando verso i militari che erano nell’abitacolo, uccidendo il maresciallo e ferendo il suo collega con una pistola calibro 9. L’uomo giorni fa era stato sottoposto ad una perquisizione per droga e aveva minacciato di morte i militari urlando “ve la farò pagare, vi sparo”. I Carabinieri erano intervenuti nella zona dopo la segnalazione di una lite in famiglia.

Il militare ferito è stato raggiunto di striscio a un braccio e a un fianco dai proiettili. Il ragazzo ha 23 anni e le sue condizioni non destano preoccupazione. E’ stato proprio il militare più giovane, capendo subito la gravità della situazione, a proseguire la corsa in auto fino al 118. Per il maresciallo però non c’era più nulla da fare. Poco dopo altri Carabinieri e agenti della Polizia locale di Cagnano Varano hanno bloccato l’assassino.

Vincenzo Di Gennaro aveva una compagna e stava organizzando tutto per le nozze

A raccontarlo sono alcuni colleghi dell’Arma. Il maresciallo aveva da qualche tempo una relazione sentimentale con una donna di San Severo, con la quale stava decidendo la data del matrimonio. I colleghi lo ricordano come “la bontà fatta persona”. Era impegnato anche nel mondo del volontariato, e, raccontano, era molto devoto a san Pio da Pietrelcina.

“Una vita umana vale il mondo intero. E così il maresciallo maggiore Vincenzo Carlo Di Gennaro, 46 anni, morendo in servizio nella piazza di Cagnano Varano (FG), il paese dove lavorava presso la locale Stazione Carabinieri, è un mondo che scompare. Lo ha ucciso un uomo con precedenti penali, che ha estratto una pistola in occasione di un controllo e ha sparato ferendo anche un altro carabiniere, al quale vanno i nostri auguri di pronta guarigione.
Il maresciallo era celibe e non lascia figli, diranno le prime note di agenzia. Ma tutti noi ne siamo orfani. I familiari, gli amici, i colleghi. Chiunque abbia a cuore la giustizia e conosca il valore della vita. Arrivederci nel cielo, Vincenzo. Il viaggio ti sia lieve” così sulla pagina facebook Carabinieri viene ricordato il militare.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin