Perugia. La Città consegna il Baiocco d’Oro a Massimo Mariani

La Città di Perugia consegna il Baiocco d’oro a Massimo Mariani. Tra i maggiori esperti in Italia e all’estero nel Consolidamento e Restauro di edifici monumentali, Ingegnere e Architetto, con Lauree Magistrali e abilitato in entrambe le professioni, Mariani riceverà il simbolo della città dal sindaco Andrea Romizi e dall’Assessore alla Cultura Maria Teresa Severini durante una cerimonia in programma per mercoledì 26 marzo 2019 alle ore 11 nella Sala dei Notari.

Storico Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Perugia per oltre 15 anni, dal 2011 è Consigliere del Consiglio Nazionale degli Ingegneri con delega alla Cultura, alla Geotecnica, ai Grandi Rischi Idrogeologici e sismici, al Consolidamento degli edifici e alla divulgazione scientifica, componente del Centro Studi del C.N.I. e Presidente del Centro Studi Sisto Mastrodicasa. Fino a pochi mesi fa è stato Presidente degli Ingegneri Civili d’Europa (E.C.C.E.) e, attualmente, è componente del Comitato Tecnico Scientifico al fianco del Commissario per la ricostruzione Post-sismica dell’Italia Centrale.

Il prezioso riconoscimento all’attività scientifica, didattica e culturale di Massimo Mariani, avverrà nell’ambito di un importante momento di confronto promosso per la stessa mattina dal Comune di Perugia, C.N.I, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Perugia, Ordine degli Architetti della Provincia di Perugia e Collegio dei Geometri della Provincia di Perugia sulle Nuove interpretazione del sisma e nuovi metodi di intervento di consolidamento strutturale. Il convegno inizierà alle ore 9.00 con i saluti istituzionali degli enti organizzatori a cui seguiranno i contributi di Andrea Dari, coordinatore editore di INGENIO, di Gianluca Fagotti dell’Ufficio Speciale ricostruzione Umbria e di Alessandro De Maria del Servizio Sismico della Regione Umbria. Al termine della cerimonia di conferimento del Baiocco d’oro della Città di Perugia, Massimo Mariani terrà una lectio che permetterà di approfondire il tema centrale del convegno.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin